Pasqualino Monti alla partenza della Nave della legalità: “Impegnarci di più per il ripristino della legalità”

24/mag/2012 12.26.05 Artsia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Pasqualino Monti presenzia per la prima volta alla Cerimonia in una giornata toccante dedicata alla legalità. «Vado fiero di aver sottoscritto, appena insediato, con il Prefetto Pecoraro un Protocollo sulla legalità volto a controllare le aziende vincitrici di gare d’appalto all’interno del porto, il loro operato e non solo

Pasqualino Monti

CIVITAVECCHIA - ‘‘Le lacrime dei perseguitati non scendono mai fino a terra, ma volano verso l’alto’’. E ancora. ‘‘Capaci è un albero. Cresce, come noi’’. Sono solo alcuni dei messaggi contenuti negli striscioni che questo pomeriggio hanno inondato il porto di Civitavecchia. Messaggi scritti dagli studenti di tutta Italia, nel ventennale della strage di Capaci, che proprio ieri sono salpati sulla ‘‘Nave della legalità’’ diretti a Palermo. A salutarli Pasqualino Monti che per la prima volta ha presenziato all’evento da presidente dell’Autorità Portuale: «Questa è una giornata di riflessione. Il terremoto in Emilia, la tragedia di Brindisi devono imporci di riflettere e impegnarci di più per il ripristino della legalità». Legalità che deve iniziare proprio dal porto, punto molto sensibile per quanto vi ruota attorno. Dai passeggeri che vi transitano, alle aziende che vi lavorano. Motivo per cui «vado fiero di aver sottoscritto, appena insediato, con il Prefetto Pecoraro un Protocollo sulla legalità volto a controllare le aziende vincitrici di gare d’appalto all’interno del porto, il loro operato e non solo». E a parlare di legalità, guardando ai giovani come la speranza del domani, soddisfatto della loro presenza in massa all’appuntamento, anche il Ministro della Pubblica Istruzione Francesco Profumo: «Il ricordo di Borsellino, di Falcone e degli uomini della scorta morti nella strage di Capaci è importante soprattutto per i nati dopo il ‘92. Sono giovani che non possiedono un ricordo diretto di quanto accaduto in quel tragico giorno. Ma la costruzione della legalità e di un futuro migliore è incentrato soprattutto nella memoria. Ed è per questo che dobbiamo portare alla loro attenzione fatti di storia importanti per la nostra società. Tutti i giorni dobbiamo compiere un passo avanti verso la legalità». Parole condivise anche dal Procuratore nazionale antimafia Piero Grasso: «Per Melissa, per Falcone, per Borsellino voi siete qua per affrontare insieme questa giornata e vincere quella paura che volevano scatenare nelle nostre menti. Questa è la dimostrazione che i giovani sono forti e hanno tanto da insegnare a noi adulti e ai vecchi». E a salutare i ragazzi in partenza per Palermo, oltre ai vari responsabili delle Forze dell’ordine anche il neo eletto sindaco di Civitavecchia Pietro Tidei, onorato di presenziare ad una manifestazione incentrata sulla legalità, uno dei temi principali della sua campagna elettorale.

Fonte: civonline

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl