Confindustria: d'accordo con il presidente Squinzi. Sulle imprese troppi oneri

Sulle imprese troppi oneri oppressivi Il presidente della Cia Giuseppe Politi condivide l'analisi del neo-presidente degli industriali italiani.

Persone Giuseppe Politi, Giorgio Squinzi
Organizzazioni Confindustria, CIA
Argomenti impresa, economia, politica

24/mag/2012 13.20.21 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Confindustria: d’accordo con il presidente Squinzi. Sulle imprese troppi oneri oppressivi
 
Il presidente della Cia Giuseppe Politi condivide l’analisi del neo-presidente degli industriali italiani. Serve una svolta che le aziende agricole attendono da tempo: meno costi e più semplificazione nei rapporti con la Pubblica amministrazione.
 
          “Siamo pienamente d’accordo con quanto affermato dal presidente di Confindustria Giorgio Squinzi: sulle imprese italiane pesano ‘zavorre intollerabili’. I costi produttivi, quelli contributivi, il carico fiscale e l’opprimente burocrazia stanno mettendo in ginocchio tanti imprenditori e quello che sta accadendo in agricoltura è emblematico: nei primi tre mesi dell’anno otre 13 mila aziende sono state costrette a chiudere. Serve, quindi, una nuova politica imprenditoriale che apra prospettive di crescita e favorisca l’occupazione, soprattutto dei giovani”. Lo ha detto il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Giuseppe Politi.
          “Condividiamo l’analisi fatta dal neo-presidente di Confindustria alla sua prima assemblea annuale. Ha toccato i temi reali dell’impresa, invitando il governo a evitare nuovi gravami che rischierebbero -ha aggiunto Politi- di affossare qualsiasi tentativo imprenditoriale nel nostro Paese. Oggi serve, invece, un’azione che permetta di ridurre gli oneri alle aziende, assicurando sostegni validi per gli investimenti e l’innovazione e semplificando i rapporti con la Pubblica amministrazione. Un discorso, questo, che per il mondo agricolo è di prioritaria importanza”.
          “A Squinzi -ha concluso il presidente della Cia- rinnoviamo gli auguri di buon lavoro, ricordando che da parte nostra ci sarà attenzione e spirito di collaborazione affinché si possa lavorare insieme e al meglio per la crescita e la competitività delle imprese e per la ripresa e lo sviluppo dell’economia italiana”.
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl