Tabacco: bene l'accordo tra JTI, OPTA e Consorzio TTI. Così si danno certezze ai produttori e si tutela l'occupazione

Tabacco: bene l'accordo tra JTI, OPTA e Consorzio TTI.

Persone Mario Catania
Luoghi Italia, Europa
Organizzazioni Japan Tobacco International, Consorzio TTI, Ministero dell'agricoltura e delle foreste, CIA
Argomenti impresa, economia, industria

07/giu/2012 16.42.32 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Tabacco: bene l’accordo tra JTI, OPTA e Consorzio TTI. Così si danno certezze ai produttori e si tutela l’occupazione
 
La Cia commenta l’intesa sottoscritta alla presenza del ministro delle Politiche agricole Mario Catania: è positiva anche perché riduce al minimo i passaggi di filiera.  
 
         L’accordo biennale siglato oggi tra la Japan Tobacco International (JTI), i produttori tabacchicoli italiani riuniti in OPTA (Organizzazione produttori tabacco) e i trasformatori associati nel Consorzio TTI (Trasformatori tabacco Italia) è un risultato davvero importante, perché garantisce un futuro di maggiore serenità a una filiera di eccellenza del panorama agroindustriale del Paese. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, sottolineando il ruolo attivo ed efficace svolto dal ministro Mario Catania nel favorire la stipula dell’intesa.  
        Si tratta di un accordo -ricorda la Cia- che impegna la JTI ad acquistare nei prossimi due anni un quantitativo superiore a 20 mila tonnellate di tabacco ‘Virginia’ italiano, in grado di generare ricavi complessivi per 60 milioni di euro. Così si tutela la produzione italiana che è leader in Europa con 90 mila tonnellate l’anno.
Intese come questa -evidenzia la Cia- rappresentano un’opportunità fondamentale per un settore che è fonte di reddito per circa 60 mila lavoratori, ma che negli ultimi anni sta vivendo una fase di difficoltà e forte incertezza anche a seguito di discutibili riforme comunitarie.
        L’accordo segna un punto rilevante anche sul fronte dei rapporti diretti tra industria e produttori agricoli, riducendo i passaggi intermedi e quindi i costi della filiera. Questo -conclude la Cia- facilita ancora di più il processo di razionalizzazione e di semplificazione del comparto del tabacco in Italia. 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl