Caldo: con l'arrivo di "Scipione" crescono i consumi di frutta e verdura, nelle grandi città +5 per cento

18/giu/2012 17.06.23 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Caldo: con l’arrivo di “Scipione” crescono i consumi di frutta e verdura, nelle grandi città +5 per cento
 
Più albicocche, pesche, meloni, lattuga e pomodori per combattere l’afa e i colpi di calore. Perché, ricorda la Cia, non solo rinfrescano ma ci danno la giusta quantità di vitamine, sali minerali e antiossidanti. E poi sono convenienti: un aspetto che conta in una fase di crisi come quella attuale.    
 
          L’estate comincerà ufficialmente giovedì prossimo ma il caldo torrido è già arrivato, accompagnato da “Scipione l’africano”, l’anticiclone con radici nel Sahara che sta portando la colonnina di mercurio anche a picchi di 35-40 gradi in tutt’Italia. Ed è subito “boom” dei consumi di frutta e verdura fresca, con un aumento della domanda che nelle grandi città supera il 5 per cento. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori.
          Oltre a raddoppiare il consumo d’acqua, le temperature infuocate di questi giorni a Roma, Milano, Firenze e in tutto il Sud stanno portando in alto gli acquisti di ortofrutta (soprattutto lattuga, carote, pomodori, peperoni, e poi fragole, albicocche, pesche, susine, meloni e angurie). Una scelta giusta per combattere l’afa e i colpi di calore -spiega la Cia-. Frutta e verdura, infatti, non solo dissetano e rinfrescano, contenendo una notevole quantità d’acqua, ma reintegrano i sali minerali persi con l’eccesiva sudorazione e riforniscono di vitamine e di sostanze antiossidanti, nutrendo l’organismo e proteggendolo allo stesso tempo dai danni correlati all’esposizione al sole.
          Inoltre, la frutta e la verdura sono decisamente a buon mercato. Un aspetto da non sottovalutare in un momento di crisi come quello attuale, in cui le famiglie risparmiano anche sulla tavola. Basti pensare che nell’ultimo mese -aggiunge la Cia- a fronte di un carrello alimentare sempre più costoso, gli unici prezzi in discesa sono stati quelli di frutta (-3,9 per cento) e verdura (-1,8 per cento), cioè gli unici prodotti prettamente agricoli. Come dire buoni, utili e convenienti.
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl