Consumi: sul carrello della spesa "pesano" più trasporti ed energia che gli alimentari

05/lug/2012 13.15.02 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Consumi: sul carrello della spesa “pesano” più trasporti ed energia che gli alimentari   
 
La Cia commenta il report dell’Istat sui consumi delle famiglie nel 2011. Il “caro-carburanti” e i continui rialzi della bolletta energetica riducono la quota di spesa per la tavola. Italiani orientati al massimo risparmio: anche nei primi sei mesi di quest’anno il 71 per cento riorganizza il budget alimentare: c’è chi compra solo in base al prezzo, chi opta per sconti e offerte e chi sceglie solo discount e “formati convenienza”.
 
         
La crisi stravolge la spesa degli italiani. Non solo cambiano le abitudini, con il ricorso più frequente al discount e il “taglio” in quantità e qualità dei prodotti acquistati, ma si modificano i budget destinati ai vari capitoli di spesa. Con uno sbilanciamento sempre più evidente verso trasporti ed energia a discapito della voce “cibo e bevande”. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, commentando il report sui consumi delle famiglie nel 2011 diffuso oggi dall’Istat.
          Fino a due anni fa, la quota di spesa per generi alimentari e bevande rappresentava un quarto della spesa complessiva delle famiglie. Ma dallo scorso anno -sottolinea la Cia- questa quota è andata pian piano riducendosi fino a toccare il 19 per cento del totale: il “caro-carburanti” e i vari rialzi delle tariffe energetiche hanno costretto i consumatori a togliere soldi a beni essenziali come pane, pasta e carne e destinarli invece ad altri capitoli di spesa. La conseguenza è che nell’ultimo anno ogni famiglia italiana ha dovuto “sborsare” più per combustibili, energia elettrica e trasporti (483 euro al mese) che per gli alimentari (477 euro al mese).
          Questo significa un ulteriore indebolimento dei consumi alimentari, che nel 2011 sono crollati del 2 per cento e che quest’anno rischiano un tonfo ancora peggiore. D’altra parte, come ha evidenziato l’Istat, ben il 35,8 per cento delle famiglie nel 2011 ha diminuito la quantità e/o la qualità dei prodotti alimentari acquistati. Ma anche in questi primi sei mesi del 2012 -osserva la Cia- i comportamenti d’acquisto degli italiani rispecchiano quella stessa prudenza registrata l’anno scorso, che si traduce in un carrello alimentare orientato al massimo risparmio.
        Secondo i nostri ultimi dati infatti -conclude la Cia- il 71 per cento delle famiglie ha riorganizzato le spese per la tavola: comparando i prezzi con più attenzione (il 65 per cento); cercando sconti, promozioni commerciali e offerte speciali (il 53 per cento); privilegiando le grandi confezioni, il cosiddetto “formato convenienza” (il 42 per cento); comprando quasi esclusivamente nei discount (il 39 per cento).

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl