Domani martedì 16 maggio la presentazione di “Quando le donne hanno la luna. Credenze e tabù” Alla presentazione del nuovo libro dell’antropologa Gianfranca Ranisio parteciperanno Enrica Amaturo, Rosetta Papa, Amalia Signorell

15/mag/2006 03.39.39 roberto race Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Baldini Castoldi Dalai editore

Comunicato Stampa

Domani martedì 16 maggio la presentazione di “Quando le donne hanno la luna. Credenze e tabù”

Alla presentazione del nuovo libro dell’antropologa Gianfranca Ranisio parteciperanno Enrica Amaturo, Rosetta Papa, Amalia Signorelli, Giovanna Petrillo ed Esther Basile

Napoli 15 maggio 2006. “Prima o poi tutte le ragazze cadono dalle scale” inizia così Quando le donne hanno la luna. Credenze e tabù, l’ultimo libro dell’antropologa Gianfranca Ranisio edito da Baldini Castoldi Dalai (16 euro, 214 pagine), che sarà presentato a Napoli domani martedì 16 maggio alle 17 presso l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (Via Monte di Dio 14).

Alla presentazione interverranno la preside della facoltà di Sociologia dell’Università di Napoli Federico II Enrica Amaturo, la ginecologa e dirigente del settore materno infantile dell’Asl Napoli 1 Rosetta Papa, la psicologa sociale Giovanna Petrillo e l’antropologa Amalia Signorelli. Moderatrice dell’incontro sarà la Presidente dell’Associazione Eleonora Pimentel Lopez De Leon Esther Basile.

Il libro

In  questo libro l’autrice intende partire dalla tesi secondo la quale la medicalizzazione rappresenta una delle forme di controllo del corpo femminile presente nelle società occidentali.

Gianfranca Ranisio si chiede se e in che modo questa prospettiva di medicalizzazione si stia estendendo alle tappe fisiologiche che contraddistinguono la vita delle donne, dal menarca alla menopausa. Infatti ciò che in passato veniva lasciato alla gestione femminile, ciò che rinviava a una percezione del tempo diversa, con i suoi momenti permessi e vietati, oggi non esiste più: ad annullare disagi e sofferenze interviene il trattamento farmacologico. Queste fasi sono viste come una patologia da curare, perché sottraggono tempo al ritmo frenetico del quotidiano e mal si coniugano con i modelli che la società ci chiede di perseguire.

Il sangue della donna è carico di valenze simboliche, la sua sola presenza è percepita come elemento che caratterizza, struttura ed esalta la differenza sessuale, è esperienza a cui, in quanto donne, non si può sfuggire, costrizione ma anche attesa. La ripetitività dell’esperienza induce la donna a “sentire” acutamente il proprio corpo, a sentire la propria fisiologia e, nello stesso tempo, i processi psicologici da questa determinati. La periodicità di tipo ciclico delle mestruazioni istituisce uno stretto legame tra la vita femminile e la luna, che è il motivo che domina l’intreccio del testo; da tale legame derivano anche le credenze nell’influenza che si ritiene la luna eserciti sulla vita della donna, con l’alternarsi delle sue fasi.

Basandosi su racconti-testimonianza di donne e confrontando questi con le teorie antropologiche sull’argomento, l’autrice pone in evidenza il rapporto complesso presente nella vita delle donne tra l’esperienza vissuta, le rappresentazioni culturali e le storie che le descrivono. Emergono da queste testimonianze le dinamiche familiari e i rapporti tra le generazioni e, con queste, l’importanza delle linee di discendenza femminile, che sono anche linee di trasmissione di saperi e poteri.

L’autrice

Gianfranca Ranisio è docente di Antropologia Culturale presso l’Università di Napoli «Federico II». Si è occupata di pratiche, rituali e forme di devozione popolare, soprattutto nell’Italia meridionale. Ha indagato il significato simbolico e le rappresentazioni che accompagnano le tappe della vita femminile e in particolare ha studiato la scena antropologica del parto, facendone emergere pratiche e codici culturali. I suoi lavori si situano nel punto di intersezione tra l’antropologia culturale, l’analisi delle tradizioni folkloriche e i gender studies. Tra i suoi libri: Lo Spazio Sacro (1978); Il Paradiso folklorico. San Giuseppe nella tradizione popolare meridionale (1981); Il lupo mannaro. L’uomo, il lupo, il racconto (1984); Venire al mondo. Credenze, pratiche e rituali del parto (1996) e La città e il suo racconto (2003). 

 

Ufficio Stampa  02 58450214 - 230 - 241  usta@bcdeditore.it o 3931144665

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl