San Valentino, Cia: il fiore regge alla crisi, nelle preferenze del 46% degli innamorati

13/feb/2014 13:26:00 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

San Valentino: il fiore regge alla crisi, nelle preferenze del 46% degli innamorati

 

Secondo la Cia, le difficoltà economiche degli italiani tagliano di netto cene fuori e regali costosi. Ci guadagnano i fiori, anche se nella fascia di prezzo più economica (3-10 euro). Domani saranno acquistati circa 14 milioni tra rose, orchidee e mini piante in vaso, per una spesa al consumo di quasi 70 milioni di euro. Ma c’è un alto rischio di comprare esemplari d’importazione.

 

            Con la crisi e i conti in rosso, gli italiani mettono un po’ da parte la “festa degli innamorati” e si preparano a festeggiare un altro San Valentino di austerity. Domani infatti ci saranno più cene casalinghe che uscite al ristorante e soltanto due coppie su cinque si scambieranno regali. Ma niente di troppo costoso: nelle preferenze degli innamorati ci sono pochi capi d’abbigliamento (15 per cento) e ancora meno gioielli (9 per cento), mentre trionferanno ancora una volta cioccolatini (30 per cento) e soprattutto fiori. Che restano l’omaggio più gettonato nel 46 per cento dei casi. E’ quanto afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori.

Secondo le nostre stime, domani verranno acquistati circa 14 milioni di fiori, in particolare rose, che da sole faranno circa l’80 per cento delle vendite floreali complessive -spiega la Cia- ma anche tulipani, orchidee, lilium e mini piante in vaso, che rappresentano l’ultima tendenza dell’acquisto “low-cost”. Perché la fascia di prezzo scelta sarà comunque quella più economica, compresa tra i 3 e i 10 euro, con una spesa al consumo che si attesterà in previsione tra i 65 e i 70 milioni di euro. Per l’acquisto ci si rivolgerà al fioraio sotto casa (66 per cento), mentre il restante 34 per cento comprerà i fiori ai mercati rionali piuttosto che ai banchetti allestiti per l’occasione nelle piazze.

Il vero rischio, però, è che ad essere acquistati saranno fiori “stranieri” in due casi su tre. Questo perché nell’anno molti floricoltori italiani hanno scelto di non produrre nell’anno o di limitare i “tagli” invernali, considerati i rincari energetici per il riscaldamento delle serre -evidenzia la Cia-. Il maltempo, poi, ha creato ulteriori danni al settore, tra produzioni in pieno campo rovinate se non marcite per colpa degli allagamenti e consegne rallentate a causa di frane e smottamenti sulle strade provinciali o secondarie.

Di conseguenza, in occasioni come San Valentino, crescono di netto le importazioni “selvagge” da Paesi extracomunitari come Thailandia, Colombia, Etiopia, Ecuador e, per le rose, Kenya. Ma la qualità del “prodotto Italia” va differenziata e valorizzata rispetto al prodotto importato -osserva la Cia- che ha prezzi più bassi sia perché gode dell’esenzione parziale o totale dei dazi, sia perché ha un costo della manodopera minimo, sia perché non è tenuto agli stessi obblighi sanitari (passaporto verde, gassificazione del prodotto) che hanno invece le merci europee quando vengono esportate oltre i confini comunitari.

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl