Inflazione, Cia: a gennaio ancora ferma come i consumi. "Spending review" sul cibo, si torna alla vecchia "scorta"

21/feb/2014 12.38.50 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Inflazione: a gennaio ancora ferma come i consumi. “Spending review” sul cibo, si torna alla vecchia “scorta”

 

Secondo la Cia, la domanda interna molto debole contribuisce a tenere i prezzi su valori bassi. Cresce però la verdura fresca (+4,6%), per effetto dell’ultima ondata di maltempo che alza i listini stagionali. Intanto le difficoltà economiche portano le famiglie a tagliare sugli alimentari e, al contempo, a fare di nuovo dispensa, approfittando delle tante promozioni e offerte speciali, che oggi riguardano il 30% dei prodotti.   

 

L’inflazione rimane ferma allo 0,7 per cento, ai minimi da più di tre anni, ma questo non vuol dire che i consumi ripartono. Anzi, il tasso resta così basso anche a causa di una domanda interna molto debole, con gli italiani costretti a una feroce “spending review” perfino sul cibo, che ha portato nel 2013 a un crollo del 4 per cento della spesa alimentare pari a meno 2,5 miliardi di euro. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, in merito ai dati sui prezzi al consumo diffusi dall’Istat.

            A determinare la stabilità dell’inflazione ha contribuito la frenata delle dinamiche inflazionistiche di molti prodotti, in particolare quelli energetici, mentre sono cresciuti dello 0,4 per cento (+1,3 per cento su base annua) i prezzi dei prodotti alimentari, trascinati in alto dal rialzo super dei vegetali freschi, che toccano +4,6 per cento a livello congiunturale, pagando gli effetti della lunga ondata di maltempo che va a incidere sui listini stagionali.

            Nonostante i prezzi fermi, comunque, i consumatori restano così attenti al risparmio che oggi quasi due famiglie su cinque tornano a fare la “scorta alimentare” come ai tempi di guerra e cresce il tempo dedicato alla spesa -sottolinea la Cia-. Dopo anni di dispense minime e acquisti quotidiani o settimanali, il bisogno di risparmiare allunga i tempi davanti allo scaffale del supermercato, con il 65 per cento degli italiani che compara i prezzi con molta più attenzione girando più negozi alla ricerca della massima convenienza. 

            Più in dettaglio -osserva la Cia- il fenomeno dell’accumulo delle scorte riguarda il 39 per cento delle famiglie, che approfittano delle numerose “offerte speciali” per spendere di meno, soprattutto sui prodotti a media e lunga conservazione. D’altra parte, per aiutare le vendite in costante calo, sono le stesse catene della Gdo a ricorrere sempre più spesso alle promozioni, che a fine 2013 hanno superato quota 30 per cento. Significa che ormai un prodotto su tre è acquistato per mezzo di uno sconto o di un’offerta speciale.

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl