Quote latte: la decisione Ue non è una sorpresa. La vicenda andava chiusa da tempo. Ora si rischia un grave danno

10/lug/2014 16.45.31 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Quote latte: la decisione Ue non è una sorpresa. La vicenda andava chiusa da tempo. Ora si rischia un grave danno

 

La Cia denuncia: per colpa di chi non ha rispettato le regole, il Paese e l'agricoltura si troveranno ad affrontare un nuovo pesante onere. Il problema va affrontato con la massima responsabilità.

 

            L'azione di pochi disonesti rischia di provocare un danno enorme alla nostra economia e all'agricoltura, penalizzando oltretutto chi ha rispettato le regole e si è attenuto alla legge.Bisogna quindi affrontare al più presto il problema e cercare una soluzione valida che eviti un nuovo oneroso esborso per il Paese. Così la Cia-Confederazione italiana agricoltori commenta il procedimento della Commissione Ue che esorta l'Italia a regolarizzare la pendenza di circa 1,4 miliardi di euro, frutto dello splafonamento delle quote latte da parte dei produttori del nostro Paese nel periodo 1995/2009.

            È un problema che la Cia aveva più volte denunciato, anche con iniziative di piazze, in difesa dei produttori di latte che hanno operato attenendosi alle disposizioni legislative sia europee che nazionali. Ora il nodo, come era prevedibile, è venuto al pettine e rischiamo l'infrazione nei confronti dell'Ue.

            Ci sono gravi responsabilità -afferma la Cia- da parte di chi all'epoca ha gestito la vicenda che adesso rischia di aggravare la già difficile situazione economica e quella della nostra agricoltura.

            La Cia ha sempre sostenuto che l’annosa vicenda delle quote latte andava chiusa una volta per tutte e, invece, non si è deciso nulla, anzi si è cercato di coprire chi non ha avuto rispetto delle regole.

            L’odierna richiesta dell'Ue non è, dunque, una sorpresa. La Cia ritiene che sia giunto il momento non più rinviabile che il governo trovi una soluzione definitiva alla vicenda. Tra l’altro, in ben due occasioni, nel corso degli anni, è stata data l’opportunità ai produttori di sanare la loro posizione, attraverso rateizzazioni e facilitazioni. Il problema è ancora aperto perché alcuni si sono messi in regola, altri hanno continuato a non pagare.

 

 

 

 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-32687100/06-32687104/06-32687108
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl