Maltempo, Cia: avanti su una vera politica di difesa del territorio, con l'aiuto degli agricoltori

11/nov/2014 17:05:06 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Maltempo: avanti su una vera politica di difesa del territorio, con l’aiuto degli agricoltori

 

Per la Cia i danni provocati da bombe d’acqua, alluvioni e frane, dimostrano la necessità di agire in maniera organica e puntuale sul problema del dissesto idrogeologico, che in Italia riguarda 6.633 comuni e quasi il 10% della superficie nazionale. Un problema legato a doppio filo all’incuria e al degrado con la cementificazione sfrenata che ha cancellato oltre 2 milioni di ettari di suolo agricolo in vent’anni, 8.000 al mese. Ora c’è bisogno di un cambio di passo puntando sul ruolo essenziale dell’agricoltura per manutenere e presidiare il territorio.  

 

            Non è colpa solo del moltiplicarsi degli eventi climatici estremi: il vero problema che porta il Paese a una continua “emergenza maltempo”, purtroppo troppe volte con risvolti drammatici, è la totale assenza finora di una politica organica di difesa e conservazione del suolo. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori.

            Troppo poco si è fatto in questi anni per tutelare il territorio da incuria e degrado ed evitare l’abbandono da parte degli agricoltori, la cui opera di presidio e di manutenzione è fondamentale, soprattutto nelle aree marginali di collina e di montagna.

            I terreni coltivati, infatti, insieme a quelli boschivi, giocano un ruolo essenziale per stabilizzare e consolidare i versanti e per trattenere le sponde dei fiumi, grazie anche alla capacità di assorbimento e di riduzione dei tempi di corrivazione, aiutando così a scongiurare frane e cedimenti del terreno. Purtroppo però la cementificazione costante e non sempre regolamentata -sottolinea la Cia- ha cancellato negli ultimi vent’anni più di 2 milioni di ettari di terreno agricolo a ritmi vertiginosi (oltre 11 ettari l’ora, quasi 2.000 a settimana e oltre 8.000 al mese) e questo processo molto spesso non è neppure stato accompagnato da un adeguamento della rete di scolo delle acque. 

Per questo ora bisogna fare un deciso passo avanti -osserva la Cia-. Servono nuove e adeguate politiche di prevenzione del territorio, a cui affiancare una puntuale azione di vigilanza e controllo delle situazioni a rischio che deve coinvolgere necessariamente gli agricoltori. D’altra parte, oggi il rischio idrogeologico in Italia coinvolge il 10 per cento circa della superficie nazionale e riguarda 6.633 comuni. Vuol dire che quasi un cittadino su dieci si trova in aree esposte al pericolo di alluvioni e valanghe.

 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-32687100/06-32687104/06-32687108
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl