INTERVENTO DELL' ON. DE BOSI SUL BILANCIO DEL COMUNE DI ROMA

02/feb/2007 16.49.00 Gruppo Consiliare "Italia dei Valori" Comune Roma Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
GRUPPO CONSILIARE ITALIA DEI VALORI: INTERVENTO DELL’ ON. DE BOSI SUL BILANCIO DEL COMUNE DI ROMA
 

Signor  Presidente, colleghi,
 
Il Gruppo Consiliare dell’Italia dei Valori che  ho l’onore di rappresentare in quest’aula, interviene in questo dibattito  per annunciare  ( a prescindere da qualche specifica annotazione) il voto favorevole all’approvazione del bilancio.
 
Il voto favorevole non viene dato  per rispettare la collocazione del mio Partito nell’ambito della maggioranza o per sodale intesa, bensì per precisa scelta politica  e nell’autonomo giudizio, critico e propositivo, che ognuno deve dare nell’obiettivo di concorrere alle proposte ,senza arroccarsi  in posizioni sempre e comunque negative.
 
Il voto favorevole è motivato dalla condivisione  delle scelte  operate dalla Giunta, dalla razionale e complessiva manovra finanziaria, dalla individuazione dei settori di intervento, da oculate scelte  di destinazione delle risorse, ma soprattutto dal fatto che il documento di programmazione economica e finanziaria che stiamo  dibattendo sa parlare al  territorio,parte dal territorio, ritorna al territorio. Io credo che la democrazia, nel suo futuro prossimo, se vuole rafforzarsi, se vuole combattere fenomeni di astensionismo  o di contrapposizione deve saper parlare al territorio, in termini di negoziazione. La cultura del  no, come dice, il  Direttore del Censis ,è strategicamente perdente.
 
io credo che dobbiamo tenere presente  le obiettive difficoltà che si sono presentante nella predisposizione del documento economico- finanziario, difficoltà che  discendono dal quadro  politico generale fatto di contraddizioni e  di contrapposizioni anche ideologiche e da  quello  caratterizzato dalla stagnazione economica che il  nostro Paese sta attraversando, quale conseguenza di precise e pregresse scelte politico - economiche : la recente Finanziaria, con le sue luci e le sue ombre, con i suoi tagli e con il suo rigore ne è la prova.
 
A fronte dei tagli delle risorse destinate agli Enti Locali non era facile per nessuno predisporre bilanci  sontuosi.
Non era facile soprattutto per Roma : eppure la Giunta, l’Assessore, hanno predisposto una relazione previsionale indicante gli obiettivi da raggiungere  in termini di efficacia e  di efficienza.
Non era facile per Roma, che è sì la Capitale d’Italia ,  ma è anche la Metropoli che ospita, con il Governo Nazionale, Enti, Istituzioni, Organismi Internazionali : Città, la nostra, dal respiro e dagli orizzonti di una Regione,  Città da sempre alla ribalta.
La nostra è una Città multietnica, caratterizzata dall’accoglienza e dalla solidarietà. E’ crocevia di culture , anche religiose, diverse . E’ Città calamita per immigrati. E’ Città che ha , al suo interno e fra i suoi cittadini, antichi  e non risolti problemi sociali, abitatitivi, economici : per questo quadro di realtà non si potevano ridurre i servizi sociali e di assistenza alle persone, nonostante i tagli della Finanziaria e la stagnazione economica.
Roma che si candida  a raggiungere, sul piano delle infrastrutture e dell’urbanistica  razionale e  moderna , lo standard delle altre capitali europee, non poteva ridurre  o abolire interventi specifici nel settore.
Roma, Città Metropolitana che ha avuto un trainante ed esemplare sviluppo economico,non può fermarsi, ma deve poter  intervenire  nel settore, così come non può non continuare ad essere    - con i suoi grandi eventi - capitale della cultura : il  palcoscenico di attenzione sulla nostra Città è sempre sotto la luce dei riflettori, nazionali ed internazionali.
 
io credo,  e per questo ho annunciato il mio voto favorevole, che nel documento di bilancio che  viene sottoposto alla nostra valutazione ed approvazione, siano  indicati   le scelte e gli obiettivi fondamentali dei prossimi cinque anni e questo senza aver  scomodato facili alibi connesi con la riduzione dei trasferimenti delle risorse e senza aver  introdotto significativi aumenti dei tributi comunali.
Voglio ricordare che già ad aprile del 2006 il Sindaco On. Veltroni ha anticipato una riduzione dell’ICI e che il lieve aumento sull’IRPEF è spalmato  sugli anni di validità del bilancio con la precisa indicazione della destinazione delle entrate ,e cioè le infrastrutture per la mobilità-
 
L’Assessore al Bilancio , nel corso della relazione conoscitiva  della manovra di bilancio, ha  affermato  in quest’Aula che  “ nessuna tariffa verrà toccata, ad esclusione della TARI” se la situazione di Bilancio dell’ Ama lo richiederà.
Sono certo che l’Assessore ha fatto questa affermazione per  spiccato senso di responsabilità, così come sono certo che - valutando con serenità sia  il bilancio dell’AMA che il contratto di servizio - si troveranno i margini per evitare un troppo cospicuo aumento di questa tariffa.
 
Signor Presidente, Colleghi,
avviandomi alla conclusione desidero ribadire che  a mio avviso  il documento previsionale di bilancio  indica i settori di intervento che sono condivisibili, così come indica,  con chiarezza; le politiche del   patrimonio, e quelle dei progetti speciali, ma non deve dimenticare il  personale e la sicurezza.
Sicurezza è percepire la presenza delle istituzioni non solo con la “ divisa” degli operatori di polizia, ma perché sopperisce  alle  esigenze di avere  - che so -  una strada più illuminata o meno sconnessa o perché fa funzionare meglio una linea ferroviaria o tranviaria ecc..
Sicurezza significa  prevenzione e questa presuppone la conoscenza, la valutazione, quindi l’azione.
L’azione diventa leva fondamentale quando diventa servizio, il che significa che le istituzioni devono rispondere  ascoltando, utilizzando risorse adeguate ,  differenziando interventi.
Largo Sperlonga, il Trullo, Saxa Rubra e Prima Porta sono alcuni dei tanti esempi  di criticità presenti nella nostra città.
Purtroppo e ce ne rammarichiamo le previsioni di bilancio non consentono l’apertura di nuovi sportelli di mediazione sociale che, non certo risolutivi dei conflitti presenti sul territorio, rappresentano comunque un modo sperimentato ed efficace di concorrere per la soluzione dei tanti problemi di  insicurezza della nostra città.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl