“Omissis”: sospetto e intrigo alla casa della Conoscenza

17/apr/2007 10.20.00 Casalecchio delle Culture Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

“Omissis”: sospetto e intrigo alla casa della Conoscenza

In undici racconti, i segreti di un'Italia dove mettere a tacere è più naturale che rivelare. Due degli autori, Maurizio Matrone e Lorenzo Sani, ne parlano con Alfredo Colitto. Letture di Gianfranco Miglietta. Mercoledì 18 aprile, ore 18, alla casa della Conoscenza di Casalecchio.

Mercoledì 18 aprile, alle 18. Maurizio Matrone, poliziotto, sceneggiatore e scrittore di noir, e Lorenzo Sani, giornalista de «QN-Quotidiano Nazionale» e scrittore, incontreranno il pubblico alla Casa della Conoscenza (via Porrettana 360, Casalecchio di Reno) e presenteranno Omissis, un’antologia di racconti in cui scrittori e autori noir, giornalisti, storici, poliziotti si ispirano alla parte oscura dell’Italia, a cura di Daniele Brolli (edito da Einaudi). Ne parleranno con lo scrittore Alfredo Colitto mentre Gianfranco Miglietta leggerà alcuni brani dell’antologia.

«Omissis» è una parola che in origine voleva dire «ciò che si può anche trascurare, omettere». Adesso indica quello che invece si preferisce non sapere. Una realtà taciuta. Come la realtà del sospetto, dell’intrigo, della menzogna, la «zona grigia» in cui si muove tanta parte della nostra storia recente. Un’antologia di racconti in cui scrittori e autori noir, giornalisti, storici, poliziotti si ispirano alla parte oscura dell’Italia.

Ogni autore affronta uno dei tanti «sospetti italiani», per dare un volto narrativo all’Italia dei complotti ma anche della gente comune, delle circostanze fortuite e delle scelte inconsapevoli, raccontata in libere invenzioni narrative, con gli strumenti dell’immaginazione, della suspense e del thriller. Si va dal gioco dei sospetti condotto da Oreste del Buono, al chirurgico gioco al massacro di Piero Colaprico, alle trame dell’Europa dell’Est con Andrea Santini, alle connivenze tra mafia e certi apparati dello Stato con Piergiorgio Di Cara. Antonio e Gianni Cipriani dissotterrano la memoria di una strage, Angelo Marenzana e Davide Pinardi ribadiscono la giustizia ingiusta del dopoguerra. Lorenzo Sani si inoltra nella rete di segreti che circondano le comunità cinesi. Con Diego Zandel di nuovo l’Est, in versione grottesca. Goran Ternich va dietro le quinte del doping sportivo. E mentre Maurizio Matrone rintraccia il filo nero del Ventennio con epurazioni che vanno ben oltre la fine di un’epoca, Giancarlo De Cataldo insegue i contorni sfumati delle eredità storiche nella memoria collettiva.

MAURIZIO MATRONE (Verona 1966) è poliziotto della «squadra volante» di un commissariato a Bologna. Ha pubblicato romanzi gialli, racconti, scrive per il teatro e per i ragazzi. È stato consulente e sceneggiatore per alcuni episodi delle serie televisive La squadra, Distretto di Polizia, L’ispettore Coliandro. I suoi romanzi piú recenti sono Il mio nome è Tarzan Soraia e Delitti per le feste.

LORENZO SANI (Venezia 1958) vive e lavora a Bologna. È inviato speciale del «QN-Quotidiano Nazionale» per la cronaca, l’attualità e il sociale. Nel 2004 ha vinto il premio Al servizio degli ultimi con un reportage sul traffico di bambini e di organi umani in Mozambico. Nel 2006 è uscito il suo primo romanzo, Piú sangue Larry. Vita improbabile di un cronista di provincia.

ALFREDO COLITTO ha pubblicato i romanzi Aritmia Letale (Addictions, 2003, con lo pseudonimo di Alfredo Sereni), Bodhi Tree (Crisalide, 2005) e Café Nopal (alacràn 2005). Insieme con Giancarlo Narciso ha curato l’antologia di scrittori italiani e messicani Un oceano di mezzo (Nuovi Equilibri/Stampa Alternativa). I suoi racconti sono apparsi in varie antologie, tra cui EnoKiller (Morganti Editori, 2005), Caffèkiller (Morganti Editori, 2006), Killers & Co. (Sonzogno, 2003) e Fez, Struzzi e Manganelli (Sonzogno, 2005). Membro dell’ASB (Associazione Scrittori Bologna) e dell’AIEP (Asociaciòn Internacional Escritores Policiacos), insegna scrittura creativa a Bologna, presso la scuola di scrittura Zanna Bianca, della quale è tra i fondatori.


Mattia Grillini
Ufficio Stampa e Relazioni Esterne
Casalecchio delle Culture
Istituzione dei servizi culturali del Comune di Casalecchio di Reno
Via dei Mille 9 - 40033 Casalecchio di Reno (Bo)
Tel. Ufficio 051 598268
Cell. 347 7433398
mgrillini@comune.casalecchio.bo.it
info@casalecchiodelleculture.it



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl