Crisi latte: prezzi all'origine sottocosto. Così si chiude una stalla su tre

Così si chiude una stalla su tre.

Persone Martina
Luoghi Italia, Russia, Carmagnola, provincia di Torino, Oriente
Organizzazioni Fondo Latte, CIA
Argomenti economia, commercio, finanza, industria, agricoltura, borsa

07/mar/2016 14.30.19 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Crisi latte: prezzi all’origine sottocosto. Così si chiude una stalla su tre

La “Marcia delle Vacche”, la manifestazione della Cia al mercato del bestiame di Carmagnola (To) per lanciare il grido d’allarme del comparto zootecnico: in poco tempo 3700 stalle hanno cessato l’attività, ovvero l’11 per cento del totale. Senza misure adeguate questa percentuale potrebbe salire vertiginosamente. Le richieste più urgenti al Governo: rendere fruibili da subito le risorse del “Fondo Latte” per la ristrutturazione dei debiti e per la crescita di liquidità delle imprese; accrescere il valore del “de minimis” agricolo almeno fino a 50.000 euro e sospendere il pagamento degli oneri previdenziali a carico dei lavoratori dipendenti nel settore. Sulla sostenibilità della zootecnica pesano l’embargo Russo, gli acquisti della Cina e la corsa al ribasso sul prezzo all’origine.

 

Non c’è pace nelle stalle. Produttori sul baratro e mille difficoltà: il blocco delle esportazioni verso la Russia, la fluttuazione degli acquisti dall’Oriente e le logiche commerciali al ribasso dei prezzi del latte alla stalla, creano questa crisi paurosa del comparto. Occorrono quindi misure urgenti per affrontare l’impasse del settore lattiero-caseario e tutelare le imprese agricole. Questo scenario ha imposto alla Cia-Agricoltori italiani di denunciare la situazione, un vero grido d’allarme per il settore che è racchiuso in una simbolica e pacifica marcia degli allevatori e bovine, nei pressi del mercato del bestiame di Carmagnola in provincia di Torino. “Abbiamo scelto un luogo fortemente simbolico per questa manifestazione -spiegano dalla Cia- per testimoniare una difficoltà ad andare avanti che è di tutte le aziende zootecniche del Paese”.

Certamente -spiega la Cia- apprezziamo l’impegno del Governo Italiano e del Ministro Martina di sostenere la liquidità degli allevamenti con l’aiuto straordinario dei 25 Milioni d’euro e l'aumento della compensazione iva al 10%. Ma non basta. Perché la situazione globale ed europea dei mercati necessità di politiche d’intervento di più ampio respiro, tanto più che a quelle dinamiche si incastrano anche scelte aziendali quali quelle della Lactalis di rinunciare alle forniture italiane di latte per i suoi stabilimenti che l’importazione di latte rigenerato con il latte in polvere tedesco.

Una situazione -prosegue la Cia- che rischia di risultare distruttiva della struttura di allevamento delle zone maggiormente interessate a Lactalis e per l’insostenibile livello di remunerazione per tutte le altre aziende lattiere stanno commercializzando il proprio latte a prezzi molto al di sotto dei costi di produzione.

Stiamo parlando -specifica la Cia- di un comparto che nell'ultimo decennio ha registrato la chiusura, al netto dei nuovi ingressi, di quasi 25 mila stalle. Solo dal 2013 al 2014 siamo passati da 34.231 stalle a 30.528. Un trend che ci preoccupa molto per il 2015 dove i dati ancora non sono disponibili. Ma stante il perdurare di queste difficoltà, c’è il rischio concreto di chiudere una stalla italiana su tre.

In questo contesto -afferma la Cia- si ritiene in ogni caso indispensabile che la nuova definizione di Ministero dell’agroalimentare debba promuovere lo sviluppo di relazioni interprofessionali nella filiera che assumano come impegno comune il mantenimento e lo sviluppo della produzione lattiera nazionale innanzitutto a tutela dei consumatori italiani.

In mancanza di tale condivisione -avverte la Cia- e a fronte delle scelte unilaterali di rescissioni di contratti o di prezzi del latte preannunciate a partire dal 1° marzo da Lactalis si rischia la chiusura di stalle e l’aumento della dipendenza del nostro Paese dalle importazioni. Il sostegno del Governo al settore non può che accompagnare nuove e non ipocrite relazioni interprofessionali nella filiera.

 

Al Ministro -puntualizza la Cia- esprimiamo l’esigenza che si adoperi per:

1-    Rendere immediatamente disponibili le risorse del “Fondo Latte” per la ristrutturazione dei debiti e per la crescita di liquidità delle imprese.

 

2-    Erogare al più presto i 25 milioni di euro, aiuti eccezionali, erogati dalla UE. 

 

3-    Utilizzare le risorse del superprelievo (fondo Zaia), ora assegnato alle Regioni, per interventi tempestivi a sostegno delle imprese. 

 

4-    Sospendere il pagamento degli oneri previdenziali a carico dei lavoratori dipendenti nel settore.

 

5-    Eliminare i vincoli “di qualità” nel pagamento degli “aiuti accoppiati”, per assegnarli a tutti gli allevatori. Nei prossimi anni occorre accrescere la percentuale di aiuti accoppiati nel primo pilastro della Pac.

 

6-    Semplificare e potenziare gli strumenti di gestione del rischio e di stabilizzazione del reddito, legandoli direttamente alle dinamiche dei prezzi dei prodotti ed alle crisi dei mercati.

 

7-    Accrescere il valore del “de minimis” agricolo almeno fino a 50.000 euro.

 

8-    Rafforzare le norme sull’etichettatura dei prodotti lattiero caseari con l’indicazione del Paese d’origine e promuovere efficacemente il latte italiano, in Italia ed all’estero

 

9-    Favorire la contrattazione collettiva con regole chiare e procedure più trasparenti collegate alla politiche di qualità ed agli effettivi costi di produzione.

 

La gravità della situazione contrattuale -avverte la Cia- richiede la proroga dell’intesa contrattuale promossa dal Governo oltre il 1 marzo e la promozione ed il sostegno alle forme di aggregazione della produzione e della filiera contenute nel Regolamento 1308/13.

La Cia denuncia la drammaticità della situazione che potrebbe creare da marzo con le produzioni non ritirate da Lactalis e invita le imprese del settore a collaborare per costruire nuove esperienze di collocazione dei prodotti orientate alla qualificazione delle produzioni con latte 100% italiano e di produzioni orientate ai nuovi canali di commercializzazione sui mercati mondiali, in grado di sfruttare le nuove dinamiche di importazioni cinesi.

Oggi -continua l’organizzazione degli agricoltori- invitiamo gli allevatori a sostenere tutti i percorsi di aggregazione delle produzioni utili a perseguire azioni di mercato utili ad affrontare la drammaticità del momento ed a costruire esperienze commerciali e relazioni di filiera utili a riorientare la produzione lattiera alle dinamiche mondiali dei mercati lattiero-caseari.

La “Marcia delle vacche”-conclude la Cia-Agricoltori italiani- intende rappresentare una manifestazione dei produttori di latte italiano a sostegno del proprio futuro.

 

 

 

______________________________________
Logo Cia New-01

Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-32687100/06-32687104/06-32687108
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl