Latte, Cia: situazione sempre più delicata, industria garantisca il ritiro del prodotto "Made in Italy"

22/mar/2016 12:43:41 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Latte: situazione sempre più delicata, industria garantisca il ritiro del prodotto “Made in Italy”

 

Il presidente della Cia Dino Scanavino: “Rumors preoccupanti. Aumentare ancora l’entrata di latte straniero sarebbe un clamoroso controsenso e penalizzerebbe ulteriormente le nostre aziende. Pronti a scendere in piazza contro quest’eventualità devastante per il sistema zootecnico nazionale”.

 

La situazione del settore lattiero-caseario diventa di giorno in giorno più complicata e le difficoltà per gli allevatori italiani, anziché diminuire, aumentano col passare del tempo. Lo afferma il presidente nazionale della Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino.

Partendo dalle proposte da parte di Italatte per la prossima campagna produttiva, che, di fatto, agganciano i prezzi di fornitura ai livelli del mercato comunitario, non si possono non considerare i rischi per le imprese italiane -spiega Scanavino-. In quest’ottica, la mancanza di un riconoscimento oggettivo all’interno del prezzo di base, sia della qualità che caratterizza il nostro latte sia del differenziale derivante dai costi d’importazione, rappresenta un limite che deve necessariamente essere risolto.

Accanto a ciò -continua il presidente nazionale della Cia- quello che ci preoccupa maggiormente sono i rumors che stanno iniziando a circolare circa l’eventualità che la componente di trasformazione all’interno della filiera non sia in grado di garantire il ritiro del latte “Made in Italy”. Nel momento in cui l’Italia è costretta a importare latte per far fronte alla domanda interna, non ritirare il latte tricolore, anche soltanto per un giorno, e aumentare ulteriormente l’entrata di prodotto straniero, sarebbe un clamoroso controsenso. Un’eventualità devastante per il nostro sistema lattiero-caseario e per le imprese zootecniche e che, quindi, siamo pronti a contrastare con tutte le nostre forze nelle sedi opportune.

Nella sciagurata ipotesi che il nostro latte dovesse rimanere invenduto –avverte Scanavino- metteremo in campo i mezzi e le risorse di cui disponiamo e siamo pronti a portarlo nelle piazze italiane. Auspichiamo dunque una presa di posizione netta da parte delle Istituzioni affinché quelli che ad oggi sono soltanto dei rumors possano rimanere tali anche in futuro.

______________________________________
Logo Cia New-01

Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-32687100/06-32687104/06-32687108
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl