BRACCIANO (RM): IL COMUNE ACCELERA SU DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO E PARTECIPAZIONE

Ieri si è infatti tenuta a Bracciano Nuova la seconda assemblea pubblica, dopo quella di due settimane fa in piazza IV Novembre, in cui la Giunta Comunale al completo ha illustrato le tappe del percorso che, attraverso una serie di incontri di dibattito e confronto, porterà al decentramento amministrativo, tramite l'istituzione dei "Consigli di Frazione e di Quartiere", e all'adozione del bilancio partecipativo, con cui gli abitanti di Bracciano sceglieranno come investire una parte delle risorse del bilancio 2008-2009 del Comune.

22/giu/2008 10.20.00 Ufficio Stampa Comune di Bracciano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Delineato il percorso che porterà all’istituzione dei Consigli di Frazione e di Quartiere e al coinvolgimento dei cittadini nelle scelte di politica finanziaria attraverso il bilancio partecipativo. Fino al 21 luglio, si potranno presentare i progetti da discutere e votare dopo l’estate.

Una decisa accelerazione nel cammino dell’Amministrazione Comunale di Bracciano sulla strada della partecipazione e del coinvolgimento diretto dei cittadini nella vita politica del paese. Ieri si è infatti tenuta a Bracciano Nuova la seconda assemblea pubblica, dopo quella di due settimane fa in piazza IV Novembre, in cui la Giunta Comunale al completo ha illustrato le tappe del percorso che, attraverso una serie di incontri di dibattito e confronto, porterà al decentramento amministrativo, tramite l’istituzione dei ‘Consigli di Frazione e di Quartiere’, e all’adozione del bilancio partecipativo, con cui gli abitanti di Bracciano sceglieranno come investire una parte delle risorse del bilancio 2008-2009 del Comune.

“Come previsto dal nostro programma elettorale - ha spiegato il Sindaco Giuliano Sala - a un anno dal nostro insediamento abbiamo avviato un processo innovativo di coinvolgimento diretto dei braccianesi nelle scelte cruciali che investono il paese sia dotando il territorio di maggiori strumenti di espressione, attraverso il decentramento, sia aprendo alla partecipazione la scelta di come destinare una quota delle risorse economiche pubbliche per il prossimo anno. Non si tratta - ha proseguito il Primo Cittadino - di ‘delegare’ il potere decisionale dell’Amministrazione, ma di affiancare al consenso elettorale, un consenso e una condivisione di contenuti sui grandi temi dello sviluppo di Bracciano. Una linea politica su cui, anche grazie a finanziamenti sovra-comunali, stanno investendo molte Amministrazioni e in cui noi crediamo fermamente”.

La costituzione dei ‘Consigli di Frazione e di Quartiere’, già previsti nel programma elettorale, persegue l’obiettivo di realizzare degli organismi di partecipazione per i cittadini residenti in determinate zone. Dotati di potere consultivo, conoscitivo e d’iniziativa sul territorio, essi stanno nascendo in un’ottica ‘partecipata’ e con l’idea di comprendere (laddove esistano) le associazioni di quartiere. Proprio per tali ragioni, il processo di decentramento procederà di pari passo con quello per l’adozione del bilancio partecipativo.

A illustrare nel dettaglio le modalità di funzionamento dell’intero percorso di partecipazione è stato Lorenzo Avincola, Consigliere delegato in materia: “In una prima fase, si procederà all’identificazione di alcuni interventi prioritari sul territorio, che saranno espressi dagli stessi cittadini attraverso la compilazione di un apposito modulo che sarà in distribuzione in diversi punti della città (dall’Ufficio Relazioni Pubbliche del Comune agli Uffici Postali; dall’Anagrafe ai Centri Anziani) e che potrà essere depositato, fino al 21 luglio, in apposite urne, collocate negli stessi luoghi”. Le proposte potranno riguardare differenti ambiti (‘Arredo urbano e marciapiedi’; ‘Parchi e giardini pubblici’; ‘Illuminazione pubblica’; ‘Politiche sociali’; ‘Iniziative culturali’; ‘Realizzazione nuove strutture di residenza’) e saranno vagliate dall’Amministrazione. “Sulla base della valutazione dell’ammissibilità tecnica e della fattibilità degli interventi - ha continuato Avincol!
a - le proposte saranno distinte in ‘Segnalazioni’, ovvero interventi di piccola entità da riportare direttamente agli organi competenti; in ‘Interventi cittadini’, cioè azioni globali per orientare l’attività amministrativa della Giunta; e in ‘Interventi di quartiere e di frazione’, che verranno votati dall’assemblea dei residenti delle zone interessate e che il Comune s’impegnerà a svolgere”.

Nel frattempo, continueranno gli incontri con i cittadini. A metà settembre, l’Amministrazione convocherà un’assemblea per motivare la scelta degli interventi che saranno poi votati dai braccianesi (uno per ciascun ambito), mentre a ottobre ci sarà la presentazione pubblica dei progetti risultati vincitori che, nel frattempo, saranno discussi da un apposito organo, il ‘Tavolo di Confronto’, composto da rappresentanti dell’Amministrazione e da portavoce dei cittadini.

Insomma, un percorso complesso ma che rappresenta anche una grande opportunità per i cittadini di Bracciano, chiamati a dare il proprio contributo per la crescita del paese attraverso la partecipazione, perché - come recita lo slogan del progetto - ‘partecipare è decidere’!

Bracciano, 22 giugno 2008

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl