Bistecca artificiale: inutile e pericolosa.

"Si" ad investimenti nella ricerca e sperimentazioni ma con altri obiettivi e finalità.

21/ago/2008 12.38.03 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

21 Agosto 2008

 

 

Bistecca artificiale: inutile e pericolosa. “Si” ad investimenti nella ricerca e sperimentazioni ma con altri obiettivi e finalità.

 

Il presidente della Cia, Giuseppe Politi commenta la notizia, apparsa sulla “Repubblica”,  circa  studi americani per la “carne in provetta”  ed esprime forti perplessità.   

 

Ovviamente più che di una notizia si tratta di una suggestione, molto più simile alla fantascienza che ad una  realtà prossima. L’aspetto pericoloso della vicenda è da ricercarsi nel principio ispiratore della ricerca, che allude alla fine dell’agricoltura e intravede la possibilità di creare cibo in laboratorio per sfamare la crescente domanda  del mondo. Non serve la bistecca artificiale, serve solamente più agricoltura nel pianeta.

Così il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori commenta l’articolo comparso sul quotidiano “la Repubblica”, che riferisce di studi americani per la realizzazione di carne in provetta a scopi alimentari.

Esprimiamo forti perplessità -prosegue Politi- verso investimenti, studi e ricerche che mirano alla standardizzazione e alla omologazione degli alimenti e ignorano ogni principio di precauzione sull’impatto salutistico. Sarebbe più opportuno orientare gli sforzi e l’impegno su altri modelli di ricerca e innovazione in campo agricolo.   

Siamo contrari oggi alla carne clonata e lo saremo  ancor di più domai  per  quella artificiale.

I nostri produttori -puntualizza  Giuseppe Politi-  allevano in modo naturale e realizzano carni che rispondono ad  eccellenti standard qualitativi, si tratta di alimenti sani e buoni.

Se pur tra mille difficoltà, tra costi in lievitazione e redditi in sofferenza, gli allevatori italiani -conclude il presidente della Cia- devono essere stimolati sempre a migliorare la produzione ed accrescere le loro aziende, senza  lo “spauracchio” di una loro imminente inutilità. Il “made in italy” alimentare rimane oggi uno dei fiori all’occhiello dell’economia nazionale sui mercati mondiali e lo sarà anche in futuro.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl