Cina: latte, l’indicazione di origine in etichetta per tutti i prodotti per garantire qualità e sicurezza alimentare. I controlli vanno rafforzati

I controlli vanno rafforzati Cina: latte, l'indicazione di origine in etichetta per tutti i prodotti per garantire qualità e sicurezza alimentare.

23/set/2008 15.56.56 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Cina: latte, l’indicazione di origine in etichetta per tutti i prodotti
per garantire qualità e sicurezza alimentare. I controlli vanno rafforzati
 
 
La Cia invita l’Ue ad adottare una misura in tale direzione e sottolinea l’esigenza di informare adeguatamente i consumatori. In questo modo si tutelano anche i produttori italiani che molto hanno investito per assicurare produzioni garantite sotto ogni profilo.
 
 
Davanti al rischio di alimenti adulterati e non sicuri sotto il profilo della sicurezza è urgente l’indicazione d’origine in etichetta per tutti prodotti. In questo modo si tutelano sia i consumatori che i produttori agricoli, in particolare quelli italiani che, in questi ultimi anni, hanno investito e molto sotto il profilo della qualità e della salubrità.. Per la Cia-Confederazione italiana agricoltori la vicenda del latte contaminato cinese è l’esempio emblematico per adottare misure ben mirate e per rafforzare i controlli a garanzia dell’intera collettività.
L’indicazione d’origine -rivela la Cia- è un provvedimento da noi sempre sollecitato e per molti prodotti è diventato una realtà. Da non dimenticare che proprio per l’olio d’oliva l’Ue ha riconosciuto la validità della scelta compiuta nel nostro Paese. E su questa strada bisogna proseguire. Per questo motivo invitiamo la Commissione di Bruxelles ad adottare subito l’indicazione d’origine per tutte le produzioni in modo da garantire i suoi cittadini e i suoi produttori agricoli.
Il problema del latte contaminato impone, poi, la necessità di tenere alta la guardia e di compiere il massimo sforzo possibile per contrastare importazioni illegali e prodotti alimentari non certo sicuri per la salute pubblica. Non solo. Con un’azione rigorosa sotto l’aspetto dei controlli e con un’etichetta trasparente si valorizza il “made in Italy” che è sinonimo di qualità e tipicità.
D’altra parte, anche se l’Italia non importa latte e suoi derivati dalla Cina, occorre alzare una valida rete produttiva per impedire che giungano, sempre dal paese asiatico, altri prodotti che non hanno valide garanzie.
 
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl