Al Consorzio Agrario di Siena vige solo la regola Coldiretti Fuori tutte le altre organizzazioni agricole

Al Consorzio Agrario di Siena vige solo la regola Coldiretti Fuori tutte le altre organizzazioni agricole Al Consorzio Agrario di Siena vige solo la regola Coldiretti Fuori tutte le altre organizzazioni agricole Il presidente della Cia Toscana Giordano Pascucci denuncia un assurdo atteggiamento di chiusura.

15/ott/2008 15.01.15 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Al Consorzio Agrario di Siena vige solo la regola Coldiretti
Fuori tutte le altre organizzazioni agricole
 
Il presidente della Cia Toscana Giordano Pascucci denuncia un assurdo atteggiamento di chiusura. Così si disattende al ruolo di servizio del Consorzio nei confronti degli agricoltori. Si paventa un trattamento discriminatorio nei confronti dei soci Cia.
 
I consorzi agrari, per loro natura, devono svolgere prioritariamente un ruolo di servizio nei confronti degli agricoltori. E questo deve essere fatto senza nessuna discriminazione e preclusione. Uno spirito che, però, viene completamente disatteso dal Consorzio Agrario di Siena dove sembra vigere una sola regola, quella della Coldiretti. Per le altri componenti agricole regionali è tutto vietato.
“Una situazione -afferma il presidente regionale della Cia Toscana Giordano Pascucci- che ha dell’incredibile. Ci troviamo di fronte ad un atteggiamento di netta chiusura che denota prevaricazione, strumentalizzazione e demagogia da parte dei dirigenti del Consorzio Agrario che rispondono solo ed unicamente ai richiami e alle linee dettate dalla Coldiretti”.
Gli ultimi fatti lo confermano. Il Consorzio Agrario, dopo aver accettato nei mesi scorsi l’adesione della Coldiretti, ha respinto, invece, sia quelle della Cia che della Confagricoltura e disdetto quelle di Confcooperative e Lega Coop. Decisioni prese senza alcuna motivazione se non quella di rispettare i diktat della Coldiretti.  “E’ così  -aggiunge il presidente della Cia Toscana- ci troviamo in pieno regime di monopolio. E ciò contrasta con l’esigenza, più volte da noi evidenziata, di unità del mondo agricolo, soprattutto in un momento in cui il settore vive una  delle fasi più difficili della sua storia recente”.
“Non solo. L’assurdo comportamento del Consorzio Agrario di Siena risulta ancora più estraneo al suo ruolo istituzionale alla luce  della  recente decisione della Coldiretti Toscana di dichiarare guerra alla Regione. Ormai è guerra aperta contro tutto e tutti. La Coldiretti pretende di essere l’unica organizzazione agricola alla quale fare riferimento. Un atteggiamento che non possiamo assolutamente tollerare e la vicenda del Consorzio Agrario è stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso”.
 “D’altra parte, ora ci viene spontanea -rileva Pascucci- una legittima preoccupazione. I dirigenti del Consorzio, a cominciare dal presidente e dal Direttore generale, ambedue targati Coldiretti, quale posizione avranno nei confronti dei soci della Cia? Saranno trattati come gli altri, oppure verranno, come purtroppo sospettiamo, discriminati?”.
“Certo -conclude il presidente della Cia Toscana- non resteremo fermi e faremo tutto il possibile per contrastare un atteggiamento sfacciatamente di parte, che alimenta unicamente la frammentazione del mondo agricolo, il quale, al contrario, avrebbe bisogno di coesione e di unità di utenti per superare questa delicata e complessa fase congiunturale”.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl