Olio d’oliva: agricoltori in grave crisi sotto il peso dei costi Il mercato italiano invaso da prodotti stranieri e di dubbia qualità

17/nov/2008 11.53.21 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Olio d’oliva: agricoltori in grave crisi sotto il peso dei costi
Il mercato italiano invaso da prodotti stranieri e di dubbia qualità
 
La Cia mette in evidenza una situazione sempre più difficile per l’olivicoltura “made in Italy”, soprattutto in Puglia dove i prezzi bassi e la siccità hanno tagliato la produzione. In molte aziende si produce in perdita. Lotta alle frodi e alle contraffazioni. Invitato il ministro Zaia ad aprire subito un Tavolo di confronto.
 
            I costi di produzione sempre più elevati e la siccità stanno mettendo in ginocchio i nostri produttori olivicoli che, specialmente in Puglia, vivono una situazione ormai insostenibile. E a ciò si aggiunge l’invasione del mercato da parte di olio di oliva estero e di dubbia qualità. Per questa ragione va aperto subito un Tavolo da parte del ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Luca Zaia al fine di individuare misure di confronto valide per rispondere alle difficoltà del settore. E’ quanto sollecita la Cia-Confederazione italiana agricoltori che ribadisce il proprio sostegno agli imprenditori agricoli che manifestano in questi giorni il loro legittimo malcontento.
            Lo scenario per l’olivicoltura -afferma la Cia- ha raggiunto livelli estremamente preoccupanti, soprattutto in Puglia, la regione di maggior produzione. Produrre olio d’oliva, con prezzi sempre più bassi (meno 30 per cento) e costi produttivi e oneri sociali a livelli vertiginosi (con aumenti di oltre il 50 per cento), non è più redditizio. Moltissimi agricoltori producono in perdita, con l’aggravante di competere su un mercato dove, oltretutto, si registrano frodi e contraffazioni da parte di prodotti stranieri che in diversi casi vengono spacciati addirittura per italiani.
            Oggi -segnala la Cia- in Italia su 9 bottiglie che dichiarano di contenere olio extravergine solo 7 lo contengono veramente e 2 non dicono la verità, cioé non contengono extra vergine. Delle 7 bottiglie, poi, 4 soltanto sono di olio extravergine italiano e 3 di olio extravergine estero. Naturalmente il tutto viene venduto per italiano.
            C’è bisogno, sempre più, di promozione e tutela del nostro olio di oliva. Contemporaneamente, però, necessitano -sollecita la Cia- maggiori controlli da parte degli organi preposti, proprio per sconfiggere la contraffazione del nostro olio d’oliva, che sta mettendo in ginocchio le migliaia di aziende olivicole, soprattutto in Puglia. Dobbiamo tutelare la qualità del “made in Italy” attraverso nuove politiche che valorizzino il lavoro dei nostri produttori, che non possono continuare ad operare nell’incertezza e tra innumerevoli difficoltà, a cominciare dagli alti costi. Il Tavolo di confronto, quindi, può rappresentare l’occasione per ridare prospettive all’olivicoltura italiana.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl