Oltre 200 mila imprese agricole a rischio chiusura

Oltre 200 mila imprese agricole a rischio chiusura Oltre 200 mila imprese agricole a rischio chiusura, "taglio" delle produzioni di qualità e dell'export, calo dell'occupazione e impennata dei prezzi per i consumatori Durante il sit-in a Roma, che ha concluso la mobilitazione, la Cia lancia un grido d'allarme.

20/nov/2008 12.00.57 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Oltre 200 mila imprese agricole a rischio chiusura,
“taglio” delle produzioni di qualità e dell’export,
calo dell’occupazione e impennata dei prezzi per i consumatori
 
Durante il sit-in a Roma, che ha concluso la mobilitazione, la Cia lancia un grido d’allarme. Senza interventi straordinari e tempestivi, sarebbe il tracollo del settore. Opprimenti i costi per le aziende che ormai sono in ginocchio. Serve un nuovo progetto di sviluppo.
 
 
Oltre 200 mila imprese agricole a rischio chiusura; “taglio” del 25 per cento dell’agroalimentare “made in Italy” di qualità; calo del 15 per cento dell’export e del 10 per cento dell’occupazione nel settore; rincari tra il 3 e il 5 per cento dei prodotti alimentari. Questo lo scenario drammatico che potrebbe verificarsi per l’agricoltura italiana se non si interviene con validi e tempestivi interventi. A lanciare il grido di allarme è la Cia-Confederazione italiana agricoltori che oggi ha tenuto un grande sit-in a Roma, davanti alla Camera dei deputati, con la partecipazione di migliaia di produttori agricoli provenienti da tutta Italia. Manifestazione che ha concluso la mobilitazione che si è svolta sull’intero territorio nazionale sotto lo slogan “Ora i fatti. Gli agricoltori chiedono misure immediate ed efficaci”:
            I pesanti costi di produzione, gli aumenti degli oneri sociali e delle assicurazioni, il caro-denaro e il difficile accesso al credito bancario, il crollo dei prezzi praticati nei campi e l’opprimente burocrazia -segnala la Cia- stanno mettendo in ginocchio migliaia di imprese agricole, molte delle quali ora producono addirittura in perdita. Una situazione che sembra ignorata dal governo che nella legge finanziaria non ha tenuto nella debita considerazione i gravi problemi del settore. Né si intravedono misure propulsive. Si va avanti con interventi frammentari e non nella logica di una valida politica di sviluppo.
            E così lo scenario futuro -avverte la Cia- si fa sempre più oscuro. Senza interventi incisivi e finalizzati ad una riduzione dei costi che oggi comprimono le capacità imprenditoriali, si corre il pericolo di un tracollo che avrà effetti devastanti per l’intero sistema economico. Oltre alla chiusura di aziende, specie quelle che operano in zone di montagna e aree svantaggiate, si verificherà un “taglio” netto delle nostre produzioni agricole e con la conseguente invasione dall’estero. I risultati sarebbero due: acquisteremo prodotti di qualità scadente e forte impennata dei prezzi per i consumatori. Non solo. Il settore vedrà diminuire l’occupazione e il calo produttivo determinerà una flessione del nostro export agroalimentare, oggi fiore all’occhiello del “made in Italy” di qualità.
            Davanti alla continua crescita dei costi, divenuti veramente onerosi, e alle difficoltà di ordine economico, al momento, non ci sono alternative. L’agricoltura -sostiene la Cia- è destinata a registrare nuove pesanti contrazioni. D’altra parte, sia le stime sull’annata agraria 2008 e il dato del valore aggiunto agricolo nel terzo trimestre dell’anno, parlano chiaro. Dicono che il rischio recessione non è affatto remoto e che per gli agricoltori si prospetta un futuro alquanto incerto, con prospettive veramente preoccupanti.
            Ecco perché la Cia si è mobilitata in tutto il territorio nazionale. L’obiettivo è quello di richiamare l’attenzione sulle pressanti questioni agricole e di individuare un progetto nuovo che, finalmente, conduca il settore sul sentiero dello sviluppo e della competitività.
 
 
Agricoltura in cifre
 
 
 
2008 (stime)
2000
Produzione lorda vendibile di cui:
 
Erbacee
Arboree
Foraggere
Zootecnia
46.132 milioni
40.995 milioni
 
 
28,7%
 
23,9%
 
3,4%
 
28,3%
 
Valore aggiunto
25.972 milioni
27.049 milioni
Incidenza sul Pil
2,0%
2,8%
Aziende
1.697.540 ha
2.153.724 ha
Struttura media aziendale
7,5 ha
6,1 ha
Titolari d’azienda donne
335.000
260.000
SAU (Superficie agricola utilizzata)
di cui:
 
Cereali e riso
Olivi
Frutta e agrumi
Vite
Legumi e ortaggi
Foraggi e pascoli
12.601.978
13.062.256
 
 
28,3%
 
7,7%
 
6,4%
 
5,6%
 
3,8%
 
27,2%
 
Occupazione
di cui:
Extracomunitari
1,3 milioni
1,6 milioni
 
 
197.340
122.000
Peso percentuale dell’occupazione agricola sul totale
5,2%
5,7%
Valore dei terreni
17.200 €/ha
14.200 €/ha
Finanziamenti bancari all’agricoltura
35.480 milioni
24.990 milioni
Peso percentuale del commercio agroalimentare sul totale di cui:
 
Esportazioni
Importazioni
 
 
 
 
6,9%
7,2%
8,8%
10,2%
Redditi agricoli
-2,3%
-1,8%
Superficie agricola persa negli ultimi
10 anni
-19,2 mila Kmq
 
 
 
 
 
 
 
I conti dell’agricoltura
Produzione
+0,5 %
Prezzi all’origine
- 3%
Valore aggiunto
+1,2%
Costi delle imprese
+10,6%
Redditi dei produttori
-1,5/2,2%
Investimenti
-2,5%
Consumi agroalimentari
-3,5/4%
(stime 2008)
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl