Crisi: restano irrisolti i problemi agricoli. Misure del tutto insufficienti

La proroga al 31 marzo 2009 degli sgravi contributivi per le aziende agricole nelle zone di montagna e svantaggiate e lo stanziamento di 65 milioni nel 2008 del Fondo di solidarietà sono -afferma la Cia- la classica goccia nel deserto, in particolare per la grave crisi in cui versa il settore e l'economia nazionale.

27/nov/2008 16.52.52 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Crisi: restano irrisolti i problemi agricoli. Misure del tutto insufficienti
 
La Cia giudica negativamente il decreto approvato dal Senato. Solo briciole per l’agricoltura. Imprese oberate da alti costi produttivi, gravosi oneri sociali e da prezzi sui campi in caduta libera.
 
         Praticamente briciole per l’agricoltura. Così la Cia -Confederazione italiana agricoltori giudica i provvedimenti contenuti nel decreto, approvato dal Senato, che reca misure urgenti per il rilancio competitivo del settore agro-alimentare.
        La proroga al 31 marzo 2009 degli sgravi contributivi per le aziende agricole nelle zone di montagna e svantaggiate e lo stanziamento di 65 milioni nel 2008 del Fondo di solidarietà sono -afferma la Cia- la classica goccia nel deserto, in particolare per la grave crisi in cui versa il settore e l’economia nazionale. I problemi dell’agricoltura non hanno ricevuto risposte concrete, soprattutto sul fronte di una riduzione degli alti costi produttivi e dei gravosi oneri sociali.
        Le misure sono, quindi, totalmente insufficienti e per le aziende agricole -rileva la Cia- si prospetta un futuro molto difficile e con il rischio di un ulteriore aggravamento di una situazione già alquanto complessa.
        Per tale ragione -avverte la Cia- la mobilitazione, che nelle scorse settimane si è sviluppata in tutto il Paese, continuerà e si farà ancora più incisiva al fine di sensibilizzare l’attenzione sul mondo agricolo italiano che non può continuare ad operare tra ostacoli, alti costi e prezzi sui campi in forte caduta libera.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl