Salute: diossina, niente crollo nei consumi dei prodotti a base di carne di maiale

09/dic/2008 16.13.48 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Salute: diossina, niente crollo nei consumi
dei prodotti a base di carne di maiale      
 
La Cia rileva che, a differenza di altre volte, gli acquisti di carne suina, di prosciutti e di salami sono rimasti stabili. Gli allarmismi infondati non hanno, almeno per ora, contagiato i consumatori.
 
La vicenda dei maiali alla diossina in Irlanda non ha avuto, finora, riflessi negativi sui consumi. Gli acquisti non hanno, infatti, subito contraccolpi. Si sono continuati a vendere regolarmente sia carne fresca suina che prosciutti e salami. Bene anche zamponi e cotechini. Lo rileva la Cia-Confederazione italiana agricoltori che, attraverso le sue strutture territoriali, ha condotto un’indagine di mercato nelle principali piazze del nostro Paese.
Sembra, quindi, che gli italiani non hanno subito l’influenza delle notizie allarmistiche che si sono sparse negli ultimi tre giorni.
Al contrario di quanto avvenuto per analoghe vicende (è il caso della Bse, dell’aviaria e della mozzarella di bufala), questa volta i consumi -afferma la Cia- sono rimasti stabili, senza registrare i paventati crolli provocati da psicosi collettive.
D’altra parte, proprio la carne suina e tutti i suoi derivati (prosciutti e salami) avevano registrato negli ultimi mesi una crescita nelle vendite. Nei primi nove mesi dell’anno si è, infatti, avuto un aumento, in quantità, dei consumi pari al 2,3 per cento e in valore del 2,5 per cento. E secondo le previsioni -sottolinea la Cia- il 2008 dovrebbe concludersi con un incremento, sia quantitativo che in valore, del 2,3 per cento rispetto al 2007.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl