Per l’agricoltura italiana sono sempre più nastri “rosa”. Circa il 30% delle imprese è condotta da donne che puntano su qualità e mercato

10/dic/2008 12.41.58 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Per l’agricoltura italiana sono sempre più nastri “rosa”. Circa il 30% delle imprese è condotta da donne che puntano su qualità e mercato
 
In occasione del premio De@Terra, l’Associazione Donne in Campo della Cia evidenzia la presenza significativa delle imprenditrici agricole.
 
Per l’agricoltura italiana sono sempre più nastri “rosa”. Tre imprese agricole su nove sono condotte da donne: poco meno di 290 mila le imprese che rappresentano oltre il 28 cento del totale. E’ un trend che è, pur in presenza di pesanti problemi per il settore primario, in continua crescita. E’ quanto sostenuto oggi a Roma, in occasione della consegna del premio De@Terra dall’Associazione Donne in Campo della Cia-Confederazione italiana agricoltori.
Su un totale di oltre 1 milione 300 mila imprese, la presenza delle donne in agricoltura -è stato evidenziato- è inferiore solo al settore del commercio, dove si supera il 32,5 per cento, mentre vengono doppiate abbondantemente sia l’attività manifatturiera (con il 10,6 per cento) che quella dei servizi (poco meno del 10 per cento).
Secondo Donne in Campo della Cia, la maggior parte delle imprese agricole condotte da donne si trova nel Mezzogiorno (44 per cento del totale), seguono le regioni del Nord (32 per cento) e quelle del Centro (24 per cento).
Le aziende agricole “rosa” -afferma Donne in Campo- salgono in modo importante specialmente in attività innovative, come ad esempio nell’agriturismo, le cui imprese per il 35 per cento del totale sono condotte da imprenditrici. Crescite significative si sono registrate negli ultimi anni anche nel settore biologico, nelle produzioni di “nicchia” Dop e Igp, nell’ortofrutta e nella vitivinicoltura.
Donne, dunque, sempre più decise e protagoniste della vicenda agricola italiana. Donne che guardano all’impresa con sempre maggiore attenzione, che puntano con caparbietà sulla qualità e sulla tipicità dei prodotti legati al territorio, sulla difesa della biodiversità. Insomma, vere imprenditrici che operano con la dovuta incisività per una competitività reale sui mercati nazionali e mondiali, che fanno dell’innovazione uno strumento indispensabile per crescere e svilupparsi.
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl