Sanità: latte crudo; l’ordinanza va nelladirezione giusta. Basta alla criminalizzazione

10/dic/2008 15.37.16 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Sanità: latte crudo; l’ordinanza va nella
direzione giusta. Basta alla criminalizzazione
                                                                                         
La Cia esprime apprezzamento per il provvedimento con il quale si obbliga l’indicazione di bollire il prodotto. Informazione trasparente per i consumatori. Alcuni aspetti, però, vanno chiariti.
 
            L’ordinanza del governo sui distributori di latte crudo va nella direzione giusta, anche se alcuni aspetti vanno chiariti, come quello che riguarda il divieto di somministrazione nell’ambito della ristorazione collettiva. Bisogna, però, evitare qualsiasi criminalizzazione nei confronti degli allevatori che sono fortemente impegnati nella sicurezza alimentare e nella qualità. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori.
            La dicitura da installare nei distributori automatici che evidenzia l’esigenza di bollitura del prodotto, risponde -sottolinea la Cia- alla necessità di dare un’informazione chiara ai consumatori. Cosa, peraltro, che era stata sollecitata dallo stesso mondo agricolo all’indomani dei casi di sindrome emolitico uremica.
            Per la Cia è importante che sia stato scongiurato il blocco di questi distributori che contengono un latte di grande qualità e selezionato dai nostri allevatori che hanno investito in maniera massiccia per garantire la sanità del bestiame. Ed è per questo che appaiono fuori luogo demonizzazioni che rischiano di provocare disorientamento tra i consumatori e avere conseguenze per il settore lattiero, che è già alle prese con molte difficoltà.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl