Maltempo: campagne sott’acqua. Aziende agricole isolate Difficoltà per il trasporto di latte. Danni per decine di milioni di euro

11/dic/2008 10.11.04 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Maltempo: campagne sott’acqua. Aziende agricole isolate
Difficoltà per il trasporto di latte. Danni per decine di milioni di euro
 
 
La Cia fa un primo bilancio: molti campi devono essere riseminati. Smottamenti dei terreni. Distrutte strutture aziendali, in particolare le serre. Pesanti le conseguenze per le colture orticole. Monitoraggio nelle zone più colpite per verificare la possibilità di dichiarare lo stato di calamità.
 
L’ondata di maltempo che in queste ore si sta abbattendo con eccezionale violenza sull’Italia ha avuto effetti pesantissimi anche per l’agricoltura che è praticamente in ginocchio. Sono colpite tutte le regioni, dal Nord al Centro, dal Sud alle Isole. Campagne allagate, gravi conseguenze per le aziende, in diversi casi anche isolate, smottamenti e frane. I danni ammonterebbero già a decine di milioni di euro. È questa una prima stima effettuata dalla Cia-Confederazione italiana agricoltori per la quale sono risultati devastanti gli  effetti delle abbondanti piogge, del vento che si è abbattuto violento in alcune zone, degli straripamenti dei fiumi e dei corsi d’acqua, della neve che è caduta copiosamente e ha distrutto serre e alcune strutture aziendali, come le stalle.
Diverse sono le aziende agricole -segnala la Cia- invase dalle acque. Molte sono state le frane. Mentre le forti folate di vento (in alcune zone ci sono state violente trombe d’aria) hanno abbattuto alberi da frutta e provocato danni alle strutture serricole, alle attrezzature aziendali e ai “tunnel” predisposti per le colture orticole invernali. In molti campi dove da poco si era seminato, c’è il rischio della risemina.
La violenza delle acque -avverte la Cia- ha spazzato via intere colture. Oliveti, vigneti, frutteti, orti sono andati sottoacqua. Stesso discorso per i macchinari agricoli coperti dal fango.
Anche per il settore zootecnico -sostiene la Cia- lo scenario non è certo più allegro. Le intemperie hanno provocato, infatti, danni agli allevamenti. La neve e la pioggia hanno reso impraticabili molte strade di campagna che conducono alle imprese agricole. E sono in forte pericolo gli approvvigionamenti (mangime e foraggio) per il bestiame, mentre si cominciano a verificare non poche difficoltà nel trasporto del latte.
La Cia ha organizzato sul territorio centri di assistenza per gli agricoltori e sta portando avanti un’attenta attività di monitoraggio. Si cerca di valutare le varie situazioni al fine di chiedere lo stato di calamità per venire incontro agli imprenditori agricoli colpiti.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl