Natale: gli italiani spenderanno 210 milioni di euro per le “stelle”

Natale: gli italiani spenderanno 210 milioni di euro per le "stelle" Natale: gli italiani spenderanno 210 milioni di euro per le "stelle" Secondo un analisi della Cia-Confederazione italiana agricoltori la simbolica pianta natalizia regge l'urto della crisi.

22/dic/2008 11.41.37 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Natale: gli italiani spenderanno 210 milioni di euro per le “stelle”
 
Secondo un analisi della Cia-Confederazione italiana agricoltori la simbolica pianta natalizia regge l’urto della crisi.
 
 
Saranno più 20 milioni le stelle di Natale che verranno acquistate dagli italiani durante le feste. Un giro d’affari che si aggira attorno ai 210 milioni di euro di queste piante divenute protagoniste indiscusse del Natale, grazie al loro colore rosso intenso, tipico della festa. A sostenerlo è la Cia-Confederazione italiana agricoltori.
I prezzi alla produzione delle stelle di Natale sono tendenzialmente stabili. Al consumo, invece, sono estremamente diversificati. Secondo la grandezza si possono trovare Stelle da 2 euro fino ad arrivare a 25 euro ed oltre.
Dunque, anche questa volta il simbolo del Natale resta l'Euphorbia Pulcherrima o Poinsietta, meglio conosciuta come Stella di Natale, la vera regina delle feste. La pianta tropicale, originaria del Messico, ma ormai “naturalizzata” in Europa viene commercializzata in più di 100 milioni di esemplari. L'Italia, dopo la Germania, è al secondo posto sia per le vendite sia per la produzione, che avviene in quasi tutto il Paese. A livello mondiale è coltivata anche nei Paesi Bassi e negli Stati Uniti (il maggior produttore di piante e varietà è l'azienda Paul Ecke Ranch, in California).
La coltivazione della Stella di Natale viene praticata specialmente nelle aree più calde del Mediterraneo: richiede una temperatura tra i 14° e i 22°. Può vivere anche a temperature più basse, ma non sopporta il gelo. Va concimata, nel periodo invernale, almeno ogni quindici giorni con del potassio e del fosforo e innaffiata ogni due o tre giorni. In primavera va potata e rinvasata prestando molta attenzione al fusto e alle radici che sono molto delicati.
I veri fiori della Stella di Natale sono quelli di colore giallo all'interno, mentre le parti di colore rosso non sono altro che foglie che assumono tale colorazione in particolari periodi dell'anno.
La  Stella di Natale è una pianta tipicamente natalizia: spesso, quando perde le foglie, viene buttata via; invece, se ha delle buone radici e viene posta in un luogo luminoso, lasciandola vegetare per tutta l'estate, a fine settembre -quando verrà riportata all'interno - riprenderà la sua fioritura. Durante il riposo estivo la si potrà tenere al sole con innaffiature anche sporadiche, ma con qualche concimazione mensile.
Per le feste , comunque, gli italiani non acquisteranno o regaleranno solo Stelle di Natale, le cui vendite raggiungono il 90 per cento del mercato di fiori e piante in questo periodo. Tra i doni floreali troviamo l’agrifoglio, il vischio, i ciclamini e le azalee. Anche in questo caso il giro di affari è consistente: più di 80 milioni di euro.
 
I prezzi delle Stelle di Natale

- Stelle piccole 2-3 euro
- Stelle medie 8-10 euro
- Stelle grandi 15-25 euro
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl