La politica ritrovi il dialogo. Basta allo scontro Solidarietà al presidente Napolitano

Basta allo scontro Solidarietà al presidente Napolitano Il presidente della Cia Giuseppe Politi invita tutti ad abbassare i toni.

10/feb/2009 12.02.36 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
La politica ritrovi il dialogo. Basta allo scontro
Solidarietà al presidente Napolitano
 
Il presidente della Cia Giuseppe Politi invita tutti ad abbassare i toni. Le difficoltà del momento richiedono un confronto pacato e costruttivo. Un fermo “no” ai conflitti istituzionali. La costituzione va rispettata e onorata.
 
“Non è certo il momento dello scontro e dei conflitti istituzionali. La politica deve necessariamente abbassare i toni. C’è bisogno di un confronto più pacato e costruttivo. La gravità della crisi economica e sociale che sta vivendo il nostro Paese ha necessità di risposte valide e concrete che possono solo scaturire dal dialogo sereno tra gli organismi istituzionali e le forze politiche”. L’invito è stato rivolto dal presidente nazionale della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi preoccupato per le accese polemiche “che rischiano di degenerare ed aprire una fase drammatica per la nostra democrazia”.
            “Gli attacchi di cui è stato fatto oggetto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, supremo garante della Costituzione, ci appaiono -sottolinea Politi- assurde e, quindi, assolutamente condannabili. Il Capo dello Stato, che ha sempre dimostrato equilibrio e forte senso della democrazia e dei valori civili, merita il massimo rispetto. E per questo motivo va al presidente Napolitano tutta la nostra solidarietà e il nostro vivo ringraziamento per il ruolo che sta svolgendo e per la coraggiosa difesa della democrazia e della Carta costituzionale che va rispettata e onorata da tutti”.
            “Come rappresentante di un’importante forza sociale ed economica, chiedo, quindi, a tutti di ritrovare -sollecita il presidente della Cia- quello spirito collaborativi che permetta di affrontare le difficoltà e riprendere la strada di uno sviluppo equilibrato e duraturo. Proseguire nello scontro e nella polemica, significa minare le basi della nostra democrazia, alimentare strumentalizzazioni, demagogie e allontanare quella ripresa che tutti auspicano. Le conseguenze sarebbero disastrose. Ecco perchè servono dialogo e pacatezza, ma soprattutto presa di coscienza dei problemi che vanno risolti con il concorso di tutti”.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl