Ue: è urgente un rafforzamento della politica euromediterranea, ma la centralità dell’agricoltura deve essere un obiettivo strategico

19/feb/2009 16.05.21 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Ue: è urgente un rafforzamento della politica euromediterranea,
ma la centralità dell’agricoltura deve essere un obiettivo strategico
 
La Cia giudica in maniera positiva il voto odierno del Parlamento europeo. Per un equilibrato sviluppo del Bacino del Mediterraneo è, tuttavia, indispensabile che il settore primario venga considerato un elemento essenziale per la pace, la crescita economica e sociale, la cooperazione. L’Italia deve svolgere un ruolo più attivo nel sostenere e rafforzare le politiche per il Mediterraneo.
 
Occorre rendere sempre più incisiva la cooperazione tra gli stati del Mediterraneo in modo da garantire un reale rafforzamento economico e commerciale dell’area. E’ un’esigenza fondamentale per ridurre il crescente divario economico e sociale tra la sponda Nord e la sponda Sud (elemento che, purtroppo, ha portato alla definizione di un sostanziale fallimento del Processo di Barcellona). Ed è questo lo spirito che anima il voto odierno del Parlamento europeo, in seduta plenaria, che sollecita una politica nuova euromediterranea che la Cia-Confederazione italiana agricoltori condivide e chiede, quindi, un preciso impegno per assicurare una crescita solida ed equilibrata.
L’Assemblea di Strasburgo -ricorda la Cia- ha approvato a larghissima maggioranza la relazione di Pasqualina Napoletano (Pse) nella quale si sottolinea l’importanza che l’intera politica euromediterranea venga rinnovata profondamente, rafforzando la dimensione politica e il co-sviluppo.
L’Unione per il Mediterraneo, che la Conferenza di Marsiglia del novembre scorso ha inserito all’interno del percorso tracciato dal processo di Barcellona e non in alternativa ad esso, è stato dalla Cia accolto positivamente, perché ha contribuito a rilanciare in chiave operativa e progettuale l’ambizioso tentativo di integrazione e sviluppo nell’area del Mediterraneo.
D’altra parte, la Cia è consapevole delle difficoltà in corso per la realizzazione dell’Unione, aggravate dalle conseguenze politiche del recente conflitto di Gaza, ma è imprescindibile, per raggiungere gli obiettivi di pace e sviluppo, che si dia seguito al progetto di Unione per il Mediterraneo.
Allo stesso modo -afferma la Cia- è fondamentale che l’agricoltura, settore di primaria importanza sotto il profilo economico, sociale, occupazionale ed ambientale dell’area mediterranea, venga pienamente inserito tra gli obiettivi dell’Unione e tra i progetti strategici finanziabili nell’ambito dell’Unione stessa.
Attualmente, non si avverte -sottolinea la Cia- nei fautori dell’Unione per il Mediterraneo una valutazione strategica dell’agricoltura. Al contrario, si ritiene che solo attraverso il difficile percorso verso l’integrazione e la complementarietà delle produzioni e degli scambi agricoli, nella prospettiva di una progressiva liberalizzazione del commercio all’interno dell’area mediterranea, possa essere individuato il percorso vincente per tutti i paesi membri.
La realizzazione di un’area di pace, stabilità e prosperità deve necessariamente includere -rileva la Cia- la garanzia della sicurezza alimentare delle crescenti popolazioni mediterranee, attraverso il rafforzamento della capacità produttiva agricola, l’aumento della disponibilità idrica, la disponibilità di terreni per la coltivazione, l’accesso al credito per gli agricoltori.
La Cia, infine, ritiene indispensabile che l’Italia svolga un ruolo più attivo nel sostenere e rafforzare le politiche per il Mediterraneo, anche in considerazione della centralità strategica delle produzioni tipiche mediterranee nella nostra agricoltura.
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl