Ogm: non abbassare la guardia, sono sicuramente dannosi per la nostra agricoltura che crea valore nella tipicità enella diversificazione delle varietà

Ogm: non abbassare la guardia, sono sicuramente dannosi per la nostra agricoltura che crea valore nella tipicità enella diversificazione delle varietà Ogm: non abbassare la guardia, sono sicuramente dannosi per la nostra agricoltura che crea valore nella tipicità e nella diversificazione delle varietà Il Presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Giuseppe Politi, durante "l'incontro con Percy Schmeiser e il problema della contaminazione da Ogm": "Nell'immaginario collettivo sta passando il concetto che gli Ogm stiano invadendo l'agricoltura mondiale: questo, almeno fino a oggi, è falso".

04/mar/2009 13.07.48 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Ogm: non abbassare la guardia, sono sicuramente dannosi
per la nostra agricoltura che crea valore nella tipicità e nella diversificazione delle varietà
 
 
Il Presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Giuseppe Politi, durante “l’incontro con Percy Schmeiser e il problema della contaminazione da Ogm”: “Nell’immaginario collettivo sta passando il concetto che gli Ogm stiano invadendo l’agricoltura mondiale: questo, almeno fino a oggi, è falso”.
 
 
Intensificare la ricerca, avere più certezze di quelle evidenziate fino ad oggi e, quindi, attenersi fermamente al principio di precauzione sull’utilizzo di Organismi geneticamente modificati in agricoltura. Ma un cosa è chiarissima da subito: l’”agricoltura Ogm” tende all’omologazione delle varietà prodotte e ciò porterebbe la nostra agricoltura italiana, fortemente diversificata e variegata, a perdere valore economico e ad essere completamente tagliata fuori da ogni opzione di competitività di mercato. Questo è il concetto cardine su cui ha poggiato l’intervento del presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi durante l’incontro, promosso oggi a Roma nella sede nazionale della Cia, per dibattere sulle problematiche connesse al problema della contaminazione da Ogm in agricoltura, al quale hanno preso parte Percy Schmeiser , (agricoltore canadese divenuto simbolo anti-Ogm nel mondo), il presidente di Legambiente, Vittorio Cogliati Dezza, il presidente di Coop Italia, Vincenzo Tassinari, il presidente dei Vas, Guido Pollice e il presidente dell’Istituto di certificazione etica e ambientale, Nino Paparella.
Da una parte c’è il modello di agricoltura italiana vincente tra i consumatori -ha detto Politi- che tende a sostenere la diversificazione produttiva e genetica, affronta pesanti investimenti, non solo per il Biologico ma anche per il convenzionale, mentre dall’altra c’è una minoranza che lavora per diffondere la coltivazione, l’uso e il consumo di Ogm, rischiando di vanificare questo percorso virtuoso intrapreso dagli imprenditori italiani e spingendo le agricolture planetarie verso una deriva pericolosa: l’azzeramento del forte legame tra produzioni e territorio.
Il made in Italy agroalimenatare tipico e di grande qualità -ha continuato Politi- non vende nel mondo solo alimenti, ma i saperi collegati alla realizzazione di quello specifico prodotto e la storia del territorio dove esso nasce o si trasforma. La logica della “standardizzazione Ogm” ignora totalmente questo aspetto, che invece è centrale per l’economia del nostro settore, e non solo.
Il business dei “brevetti”, perché alla fine è di questo che si parlerà -ha affermato il presidente della Cia- è un affare che non porterebbe alcun reddito per chi fa agricoltura nel nostro Paese, quindi inaccettabile proprio dalla nostra missione di tutela della categoria.
Tra l’altro -ha sottolineato Politi- dalla nostra parte ci sono oltre il 65 per cento dei consumatori europei che si sono detti contrari all’uso e al consumo di prodotti contenenti Ogm.
E’ fondamentale -ha concluso Politi- che su queste tematiche di grande rilevanza tutti lavorino con intelligenza e onesta intellettuale: una partita centrale la gioca l’informazione e la grande comunicazione che arriva alle persone. Un dato su tutti viene poco evidenziato ma è significativo: le coltivazioni Ogm nel mondo sono ancora meno dell’uno per cento del totale, si concentrano in poche aree geografiche e interessano solo quattro produzioni. Nell’immaginario collettivo passa invece il concetto che gli Ogm stiano invadendo l’agricoltura mondiale: questo, almeno fino a oggi, è falso.
 
 
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl