Rottamazione: Politi, incentivare il rinnovo del parco macchine agricole

04/mar/2009 17.22.01 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Rottamazione: Politi, incentivare il
rinnovo del parco macchine agricole
                                                                                               
Il presidente della Cia Politi scrive al premier Berlusconi e ai ministri Tremonti, Sacconi, Scajola e Zaia: “preoccupante il mancato inserimento di una misura a sostegno della meccanizzazione agricola. Il rinnovamento è necessario anche per garantire la sicurezza degli agricoltori”.
 
“Esprimiamo forte preoccupazione per il mancato inserimento nell’ambito del Decreto Legge “anticrisi” n. 5 del 10 febbraio 2009, di incentivi alla rottamazione del parco macchine in agricoltura”. Così si è espresso il presidente nazionale della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi in una lettera inviata al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e ai ministri Giulio Tremonti, Maurizio Sacconi, Claudio Scajola e Luca Zaia.
Com’è noto il settore agricolo -scrive Politi- in base a quanto emerge dai dati Inail, ha registrato dal 2001 ad oggi un calo significativo degli infortuni sul lavoro e ciò è da attribuire sia agli investimenti in formazione ed informazione degli operatori sia all’innovazione tecnologica che, nel corso degli anni, ha notevolmente migliorato la sicurezza nell’uso delle macchine. Gli infortuni di maggiore gravità continuano a verificarsi a causa dell’utilizzo di macchine agricole per lo più obsolete.
Inoltre -continua il presidente della Cia nella sua missiva- l’obsolescenza del parco meccanico-agrario italiano comporta anche costi elevati di manutenzione e di riparazione;
consumi elevati di combustibile; tassi di inquinamento gassoso ed acustico eccessivi; capacità lavorativa ridotta;
Gli interventi richiesti -prosegue Politi nella sua lettera- sarebbero di particolare utilità per le aziende di piccole dimensioni, dove più complessa è la penetrazione delle norme relative alla sicurezza sul lavoro e si inserirebbero, pertanto, razionalmente, nel nuovo contesto normativo delineato dal Dlgs 81/2008 che ha esteso il campo di applicazione delle disposizioni legislative sulla sicurezza sul lavoro ai lavoratori autonomi, ai componenti dell’impresa familiare e ai piccoli imprenditori.
Solo laddove l’intervento sia facilmente realizzabile, conveniente, nonché riguardi piccole sostituzioni di componenti, si ritiene opportuno prevedere l’applicazione di strumenti finanziari finalizzati non solo alla sostituzione, ma anche all’adeguamento delle macchine agricole usate, e in particolare -conclude il presidente della Cia- dei trattori agricoli e forestali non rispondenti ai requisiti previsti dal Dlgs 359/99 in relazione ai rischi per il ribaltamento.
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl