Accademia dei Georgofili: assegnato a Roberto Scalacci il premio letterario “Antico Fattore ". Soddisfazione della Cia

Così la Cia-Confederazione italiana agricoltori commenta l'assegnazione, da parte dell'Accademia dei Georgofili, del premio letterario "Antico Fattore" a Roberto Scalacci, dirigente confederale, che, insieme con Daniele Vergari, ha curato e commentato la ristampa anastatica dello scritto "Istoria delle viti che si coltivano nella Toscana" di Pietro Antonio Micheli.

23/mar/2009 11.37.22 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Accademia dei Georgofili: assegnato a Roberto Scalacci
il premio letterario “Antico Fattore". Soddisfazione della Cia
 
Il dirigente confederale ha avuto, insieme a Daniele Vergari, l’importante riconoscimento per la cura e il commento della ristampa anastatica dello scritto "Istoria delle viti che si coltivano nella Toscana" di Pietro Antonio Micheli.
 
Un riconoscimento significativo che premia l’impegno e un prezioso lavoro di carattere storico e culturale. Così la Cia-Confederazione italiana agricoltori commenta l’assegnazione, da parte dell’Accademia dei Georgofili, del premio letterario "Antico Fattore" a Roberto Scalacci, dirigente confederale, che, insieme con Daniele Vergari, ha curato e commentato la ristampa anastatica dello scritto "Istoria delle viti che si coltivano nella Toscana" di Pietro Antonio Micheli.
La consegna del premio "Antico Fattore", assegnato fin dagli anni ’30, è avvenuta sabato scorso 21 marzo a Firenze a Palazzo Vecchio, in occasione dell'inaugurazione del 256° anno accademico dell'Accademia dei Georgofili.
Il riconoscimento alla letteratura viticola ed all'enologia assegnato a Scalacci è motivo di grande orgoglio per la Cia e lo stesso presidente confederale Giuseppe Politi, a nome dell’intera organizzazione, ha fatto pervenire al premiato le congratulazioni più vive e l’apprezzamento per l’ importante opera realizzata.
Il manoscritto, curato e ristampato da Scalacci e Vergari, risale alla prima metà del ’700. Fino ad oggi inedito e conservato presso la Biblioteca nazionale centrale di Firenze, è strumento prezioso per conoscere e indagare il patrimonio di vitigni esistente e le sue origini.
Il volume, realizzato per l’80° anniversario del Consorzio Vino Chianti, appare ancora estremamente preciso e moderno: le scrupolose descrizioni del botanico fiorentino Pietro Antonio Micheli sono state il punto di partenza per la scrittura delle note, per le quali sono stati consultati numerosi testi editi e manoscritti inediti.
Il manoscritto è completato dalle immagini tratte dai quadri di Bartolomeo Bimbi, pittore attivo alla corte medicea di Cosimo III e da quelle dell’erbario dello stesso Micheli conservato presso il Museo di Storia naturale di Firenze.
La pubblicazione riporta la descrizione di circa 200 vitigni presenti in Toscana agli inizi del ‘700. Il volume assume non solo un grande valore culturale e scientifico, ma permette di riflettere sulla storia e le prospettive del settore vinicolo e in particolare sull’uso e l’origine dei vitigni autoctoni.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl