Giuseppe Politi confermato vicepresidente del Copa: un forte impegno per lo sviluppo agricolo e per la difesa dei redditi degli agricoltori Ue

24/apr/2009 10.55.57 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Giuseppe Politi confermato vicepresidente del Copa: un forte impegno
per lo sviluppo agricolo e per la difesa dei redditi degli agricoltori Ue
 
Il Praesidium ha eletto presidente l’irlandese Padraig Walshe. Il presidente della Cia ha rivolto un vivo ringraziamento per la fiducia accordata e ha espresso gratitudine al presidente della Confagricoltura Federico Vecchioni per il sostegno alla candidatura. Ha, inoltre, sottolineato l’esigenza di un’azione incisiva per garantire reali certezze ai produttori e di operare per far sì che il settore agricolo superi la difficile situazione in cui oggi si trova.
 
Giuseppe Politi, presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori, è stato confermato vicepresidente del Copa (il Comitato delle organizzazioni agricole europee). Lo ha deciso ieri a Bruxelles il Praesidium del Copa che ha eletto, all’unanimità, l’irlandese Padraig Walshe nuovo presidente per il periodo 2009-2011, il quale succede al francese Jean Michel Lemétayer.
Sempre nel corso del Praesidium del Copa, oltre al presidente Politi, sono stati eletti vicepresidenti Peter Kendall (Regno Unito), Jan Albert Maat (Olanda), Lorenzo Ramos (Spagna), Gerd Sonnleitner (Germania) e Jan Veleba (Repubblica Ceca).
Il presidente della Cia ha espresso compiacimento per la conferma nel prestigioso incarico, ringraziando vivamente le organizzazioni agricole europee che si sono adoperate per la sua elezione e per la fiducia accordata.
Un particolare ringraziamento Politi lo ha rivolto al presidente della Confagricoltura Federico Vecchioni che aveva espresso, anche attraverso una lettera inviata al Copa, pieno sostegno alla candidatura del presidente della Cia.
“Il compito che mi attende -ha affermato Politi- è molto impegnativo. L’agricoltura europea attraversa una grave crisi e gli imprenditori sono costretti ad operare tra molte difficoltà. Ci sono poi scadenze di grandi rilievo che devono essere affrontate con la dovuta incisività, a cominciare dal confronto da sviluppare sul futuro della Pac dopo il 2013”.
Subito dopo la riconferma a vicepresidente, Politi ha sottolineato che in questo particolare e difficile momento per l’agricoltura europea, occorre impegnarsi in maniera decisa per garantire reali certezze ai produttori, superando tutti quegli squilibri territoriali, sociali ed economici che ancora sussistono. Dobbiamo adoperarci per salvaguardare la presenza diffusa delle aziende agricole nelle aree rurali e per creare pari opportunità per quanti vogliono impegnarsi nel settore, rimuovendo gli ostacoli all’accesso alla terra ed al credito, alle infrastrutture ed ai servizi sociali, civili e per le imprese”.
Politi ha anche insistito sulla necessità di rendere sempre più stretti i rapporti con le istituzioni comunitarie, in modo da portare avanti una politica che possa rispondere realmente ai bisogni dei produttori agricoli europei.
Il presidente della Cia ha sostenuto, infine, la necessità di una maggiore attenzione ai rapporti con le agricolture dei paesi del Bacino del Mediterraneo, anche attraverso un’azione unitaria dei produttori, soprattutto in vista all’entrata nel 2010 dell’area di libero scambio.
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl