EVENTI: BRACCIANO (RM), SUCCESSO PER MOSTRA-CONCERTO STRUMENTI LATINOAMERICANI DEDICATA A STUDENTI

19/mag/2009 18.50.41 Ufficio Stampa Comune di Bracciano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Successo per la mostra concerto ‘Strumenti Musicali dell’America Latina’: due giorni di musica e intercultura promossa dall’associazione Suamox.

Iniziativa, finanziata dalla Provincia di Roma e patrocinata dall’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune.

Un palcoscenico, quattro musicisti, 150 strumenti originali provenienti da tutto il continente latinoamericano. Questo il mix che gli studenti delle scuole medie e superiori di Bracciano hanno assaporato nel corso della mostra concerto ‘Strumenti Musicali dell’America Latina’: una due giorni di musica e intercultura promossa giovedì e venerdì scorso all’Auditorium comunale di Bracciano dall’associazione Suamox.

L’iniziativa, finanziata dalla Provincia di Roma e patrocinata dall’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune, costituisce un vero e proprio viaggio musicale, un tuffo nella storia e nella cultura che abbraccia tutte le culture (da quelle precolombiane a quelle odierne) raccontate dal suono di 150 strumenti musicali, che fanno parte della collezione privata di Roland Ricaurte, socio fondatore e presidente dell’associazione Suamox, nonché musicista del gruppo Arwak: la formazione di artisti polistrumentisti (Alvaro Ugo Atheortua, Bodhi Vatayana e Valentino Eraso) che si esibisce durante l’evento.

“La mostra interattiva degli strumenti musicali etnici, tradizionali e popolari - spiega Roland, diplomato al Conservatorio dell’Università Nazionale di Bogotà - è parte di una collezione che ho raccolto attraverso diversi viaggi a partire dal 1981. Dal 1986 a oggi - continua - la mostra è stata esposta in oltre 300 occasioni, spesso accompagnata dal concerto didattico, come in questo caso, nelle scuole, università, centri e manifestazioni culturali, festival etnici e popolari e trasmissioni televisive culturali”.

Insomma, un vero e proprio museo vivente che, grazie all’interazione col pubblico, costituisce un veicolo formidabile per i temi legati all’intercultura e alla multiculturalità. Durante tutto lo spettacolo, in cui l’ambientazione scenografica degli strumenti è accompagnata da immagini video, i ragazzi delle scuole sono stati sempre coinvolti dagli artisti che, oltre a suonare, hanno spiegato la provenienza degli strumenti, i materiali con i quali sono stati costruiti e l’importanza che hanno all’interno del gruppo etnico dove sono stati raccolti.

Per avere maggiori informazioni o vedere immagini degli spettacoli è possibile visitare il sito dell’associazione Suamox all’indirizzo www.suamox.it.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl