Pac: la proposta del ministero sull’art. 68 resta insoddisfacente Meglio restituire gli aiuti già trattenuti agli agricoltori

Particolarmente negativo il fatto che non ci sia un intervento mirato per il grano duro.

28/mag/2009 16.10.32 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Pac: la proposta del ministero sull’art. 68 resta insoddisfacente
Meglio restituire gli aiuti già trattenuti agli agricoltori
 
La nuova ipotesi, nonostante i miglioramenti, peraltro limitati ad alcuni settori, non modificano il giudizio critico della Cia. Particolarmente negativo il fatto che non ci sia un intervento mirato per il grano duro.
 
La nuova proposta del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali sull’art. 68, previsto dall’ultima riforma della Pac (Health check), presenta miglioramenti, peraltro limitati solo ad alcuni settori, che non cambiano nella sostanza l’ipotesi iniziale. Quindi, il giudizio complessivo resta fortemente insoddisfacente. A questo punto è preferibile non disperdere risorse e procedere alla restituzione degli importi degli aiuti, precedentemente trattenuti agli agricoltori. E’ quanto sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori in seguito a quanto scaturito dalla riunione al ministero.
E’ negativo, in particolare, il fatto -afferma la Cia- che nella proposta del ministro non ci sia più un intervento mirato per il grano duro, ma questo settore è stato inserito in misure agroambientali che, oltretutto, riguardano solo alcune regioni e che potrebbe dare luogo a problemi nell’ assegnazione dei premi.
Permane, inoltre, una frammentazione degli interventi con disequilibri fra i settori produttivi.
La Cia ribadisce che gli obiettivi prioritari da perseguire nelle scelte relative all’art. 68 devono essere indirizzati al sostegno e alla valorizzazione della qualità nelle sue varie articolazioni, ad incentivare l’organizzazione e la concentrazione del prodotto, al rafforzamento delle logiche di filiera. Ciò comporta una forte selezione nelle scelte ed un’adeguata concentrazione delle risorse per renderle efficaci. Tuttavia, non sembra, ad oggi, che le proposte del ministero vadano in questa direzione.
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl