ACQUA: BRACCIANO (RM) , A TITOLO PRECAUZIONALE VIETATO L’USO POTABILE DELL’ACQUEDOTTO DI VIGNA DI VALLE

19/giu/2009 21.43.00 Ufficio Stampa Comune di Bracciano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L’ordinanza del Sindaco è seguita alle indicazioni di Regione e Asl per il lieve superamento dei limiti di arsenico e fluoro presenti nelle condotte.

Sala, A breve l’ordinanza sarà rimossa perché stiamo realizzando un’apparecchiatura di filtraggio delle acque che riporterà i livelli sotto controllo

La Regione Lazio e la Asl RmF hanno individuato concentrazioni di arsenico e fluoruri eccedenti i parametri previsti dalla Direttiva Europea 98/83 negli acquedotti ‘Fiora’ e ‘Lega’, attualmente oggetto di ulteriori controlli da parte del settore tecnico. A titolo precauzionale è stata predisposta un'ordinanza sindacale che, data l'importanza della tutela della salute, superando le prescrizioni regionali, vieta temporaneamente l'uso potabile dell'acqua nelle zone specifiche servite dall'acquedotto ‘Lega’ (Vigna di Valle e dintorni). Si conferma comunque che non esistono significative ragioni di pericolo per la salute della popolazione per l'uso domestico dell'acqua.

“La presenza di arsenico e fluoro nelle acque di comuni insistenti su territori vulcanici è un fatto naturale connesso alla composizione degli stessi terreni”. Così il Sindaco di Bracciano, Giuliano Sala, spiega il senso dell’ordinanza emessa a titolo precauzionale e aggiunge: “Tengo a sottolineare - continua -che non solo tali livelli sono di poco superiori al limite indicato dalla normativa, ma anche che entro 20-30 giorni al massimo l’ordinanza verrà rimossa perché stiamo lavorando alla realizzazione di un’apparecchiatura che, attraverso il filtraggio delle acque, consentirà di riportare i livelli sotto i limiti consentiti”. Il Sindaco ha poi ricordato come i valori delle sostanze riscontrate nelle acque braccianesi siano molto inferiori a quelli presenti in acquedotti di altri comuni limitrofi che, però, godono di una proroga concessa da Regione Lazio e Asl che il Comune non ha ancora richiesto.

"L’ordinanza - prosegue il Primo Cittadino - è quindi stata emessa a titolo puramente precauzionale e solo finché non sarà completata l’installazione dell’apparecchiatura di filtraggio. L’invito alla cittadinanza - conclude Sala - è pertanto di non cedere a immotivate preoccupazioni ma di usare solo alcune precauzioni, indicate nell’ordinanza e comunicate attraverso appositi manifesti”. Per maggiori informazioni è possibile visitare la pagina della Protezione Civile sul sito internet del Comune: www.comune.bracciano.rm.it.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl