Inflazione: il crollo dei prezzi sui campi frena la corsa di frutta, verdura e pane. Ma sugli scaffali i listini restano ancora troppo cari

La Cia rileva che sempre a settembre si è avuta una leggere ripresa, al dettaglio, per i prodotti agroalimentari, che sono cresciuti, comunque, dello 0,1 per cento rispetto ad agosto e dello 0,9 per cento su base annua.

30/set/2009 13.00.10 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Inflazione: il crollo dei prezzi sui campi frena la corsa di frutta,
verdura e pane. Ma sugli scaffali i listini restano ancora troppo cari
 
La Cia rileva che la “forbice” tra produzione agricola e tavola rimane accentuata, anche se si è sensibilmente ridotta nei confronti di quella dell’anno scorso. Davanti ad una caduta verticale delle quotazioni all’origine si aspetta un calo più deciso al dettaglio.
 
La caduta verticale dei prezzi praticati sui campi (meno 16 per cento nello scorso mese di agosto) ha frenato la “corsa” al dettaglio di frutta, verdura e pane, ma sugli scaffali i listini degli agroalimentari, soprattutto quelli lavorati, restano ancora troppo cari, anche se al di sotto dei livelli raggiunti negli ultimi anni. In questo modo, la “forbice” dalla produzione agricola alla tavola, anche se in alcuni casi resta ancora accentuata, si è sensibilmente ridotta nei confronti di quella dell’anno scorso. Lo sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori in merito ai dati provvisori dell’Istat sull’inflazione che a settembre ha registrato un aumento di appena lo 0,2 per cento rispetto allo stesso periodo del 2008 e un calo dello 0,2 per cento nei confronti di agosto scorso.
La Cia rileva che sempre a settembre si è avuta una leggere ripresa, al dettaglio, per i prodotti agroalimentari, che sono cresciuti, comunque, dello 0,1 per cento rispetto ad agosto e dello 0,9 per cento su base annua. Un aumento che ha interessato, in particolare, i prezzi dei prodotti trasformati, che hanno segnato un rialzo dello 0,1 per cento su base mensile e dell'1 per cento nei confronti dell’anno scorso. In flessione, grazie soprattutto al crollo dei listini all’origine, invece i prodotti 'freschi', ovvero non lavorati, i cui prezzi sono diminuiti dello 0,1 per cento rispetto ad agosto e cresciuti dello 0,8 per cento su base annua, in calo rispetto allo 0,9 di agosto.
Rallenta la corsa di pane e cereali, che sono aumentati, su base annua, dello 0,6 a settembre (ad agosto l'aumento era stato dell'1 per cento). Il pane è aumentato dello 0,1 per cento su base mensile e dello 0,5 per cento su base annua (era più 0,6 per cento ad agosto). Aumenti che, tuttavia, appaiono ingiustificati visto che i prezzi sul campo dei cereali sono scesi ad agosto del 31,2 per cento. Allo stesso modo appare troppo lieve la flessione per i prodotti ortofrutticoli (meno 0,2 per cento) se si considera che all’origine la frutta è scesa del 29,8 per cento e gli ortaggi sono diminuiti del 15,9 per cento.
La Cia ricorda che nei prezzi agricoli all’origine ad agosto si riscontrano flessioni anche per il settore vitivinicolo (meno 20,4 per cento) e per quello dell’olio d’oliva (meno 7,5 per cento). Stesso discorso per i prodotti zootecnici che registrano cali generalizzati. Il comparto dei bovini mette a segno una flessione del 3,5 per cento, quello degli avicoli meno 1,3 per cento, mentre quello dei suini conferma la tendenza riflessiva con meno 9,2 per cento.
Ancora più accentuato, invece, il calo delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari, che rispetto ad agosto 2008, hanno avuto, in media, una diminuzione media del 15,1 per cento. In forte discesa, soprattutto, il prezzo del latte alla stalla, il cui livello è ormai inferiore a quello di venti anni fa.
La frenata dell’inflazione conferma così una congiuntura molto negativa che -avverte la Cia- fa sentire i suoi effetti anche su un settore come quello agricolo che sta attraversando una profonda crisi che investe tutti i comparti produttivi. Una situazione resa ancora più difficile da consumi alimentari che ristagnano e dalle prospettive di una ripresa ancora molto lontana.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl