ANNULLA E SOSTITUISCI Agricoltura: in crescita le imprese “in rosa”, ma molte difficoltà frenano

29/ott/2009 13.06.53 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Agricoltura: in crescita le imprese “in rosa”, ma molte difficoltà frenano
 
In occasione della consegna del “Premio De@Terra”, la Cia e l’associazione Donne in Campo evidenziano l’importanza dell’imprenditoria femminile. Tuttavia, diversi problemi impediscono un’azione realmente efficace. Nonostante ciò e la crisi che sta attraversando il settore primario, le agricoltrici non demordono e si battono per l’affermazione sul mercato.
 
L’agricoltura italiana parla sempre più al femminile. Negli ultimi dieci anni le imprese condotte da donne sono aumentate in maniera costante e sono attualmente oltre 260, rappresentando circa il 30 per cento del totale. In pratica, un’azienda su tre. Un trend, nonostante le difficoltà del settore primario, in crescita. Sono imprenditrici competitive, attente all’evoluzione del mercato, alla qualità e pronte ad ampliare le proprie superfici, anche se vanno superati i molti problemi che attualmente impediscono all’imprenditoria “in rosa” di svilupparsi e affermarsi in maniera adeguata. E’ quanto sottolineato oggi dalla Cia-Confederazione italiana agricoltori e dall’associazione Donne in Campo in occasione della consegna a Roma, presso la Sala Cavour del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, del “Premio De@Terra”, quest'anno dal tema "Donne rurali al centro dell'innovazione".
Un premio che è rivolto a donne la cui storia imprenditoriale è stata caratterizzata dalla creatività e dall’originalità di idea di impresa, dalla volontà e dalla capacità di mettere sul mercato prodotti di alta qualità, tipici e salubri, dalla realizzazione di attività multifunzionali della propria impresa, dalla commercializzazione; dal rispetto e dalla valorizzazione dell’ambiente, dall’utilizzo degli strumenti multimediali, da un apporto significativo alla crescita economica, sociale e culturale delle aree rurali (associazionismo, servizi).
Tra le encomiate del “Premio De@Terra”, in rappresentanza dell'associazione Donne in Campo, Roberta Maccioni, dell'azienda agricola “Antico Colle Fiorito” di Lamporecchio (Pistoia).
            Secondo Cia e Donne in Campo, le conduzioni “femminili”, nell’ultimo decennio, si sono ridotte di 1.000 unità nelle aziende inferiori ai 5 ettari, mentre sono cresciute di 14 mila unità (più 16,4 per cento) in quelle di maggiori dimensioni. E si riscontra un aumento (8 mila unità) sia nella conduzione diretta che in quella con salariati (7 mila unità).
Le donne conduttrici -rilevano Cia e Donne in Campo- non solo non sono diminuite, bensì hanno anche aumentato l’impegno dedicato all’azienda nell’ambito di una ristrutturazione e riconversione delle loro unità produttive, quale risposta alla competizione con il mercato agroalimentare nazionale ed internazionale che pone condizioni sempre più onerose per il conseguimento di un giusto reddito.
Rispetto a dieci anni fa, è generalmente migliorato, secondo Cia e Donne in Campo, il livello di istruzione delle donne imprenditrici agricole con un considerevole calo dei capi azienda senza alcun titolo o con sola licenza elementare, a fronte di un consistente incremento di quelli laureati o con licenza media o superiore. A livello assoluto, le donne capo azienda laureate sono passate da 15 a 35 mila, con un incremento di ben 20 mila unità rispetto all’aumento di soli 6 mila laureati fra i capi azienda uomini.
            La presenza delle donne in agricoltura è inferiore solo al settore del commercio, dove si supera il 32,5 per cento, mentre vengono doppiate abbondantemente sia l’attività manifatturiera (con il 10,6 per cento) che quella dei servizi (poco meno del 10 per cento).
Secondo Cia e Donne in Campo, la maggior parte delle imprese agricole condotte da donne si trova nel Mezzogiorno (44 per cento del totale), seguono le regioni del Nord (32 per cento) e quelle del Centro (24 per cento).
Le aziende agricole “rosa”, secondo Cia e Donne in Campo, salgono in modo importante specialmente in attività innovative, come ad esempio nell’agriturismo, le cui imprese per il 35 per cento del totale sono condotte da imprenditrici. Crescite significative si sono registrate negli ultimi anni anche nel settore biologico, nelle produzioni di “nicchia” Dop e Igp, nell’ortofrutta e nella vitivinicoltura.
Donne, dunque, sempre più decise e protagoniste della vicenda agricola italiana. Donne che guardano all’impresa con sempre maggiore attenzione, che puntano con caparbietà sulla qualità e sulla tipicità dei prodotti legati al territorio, sulla difesa della biodiversità. Insomma, vere imprenditrici che operano con la dovuta incisività per una competitività reale sui mercati nazionali e mondiali, che fanno dell’innovazione uno strumento indispensabile per crescere e svilupparsi. Un’azione propulsiva che, tuttavia, fa i conti con le non poche difficoltà e con una situazione agricola molto complessa che fiacca le energie imprenditoriali e provoca problemi ed intralci di ogni genere. Basti pensare alla crescita dei costi e al crollo dei prezzi agricoli praticati sui campi.
 
 
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl