I-CARE - Esperimenti di vivisezione bloccati e tanti animali salvati

14/gen/2010 16.52.58 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
I risultati delle iniziative di I-CARE per il 2009 e un ringraziamento a tutti i sostenitori.

In alcune nazioni asiatiche si stanno costruendo giganteschi laboratori di vivisezione cercando di attirare le industrie europee e americane perché:

- così le industrie possono testare la i loro prodotti a costi inferiori
- spesso non esistono legislazioni neanche minime di protezione animale
- non esistono e non possono esistere gruppi animalisti organizzati
- non esistono gruppi di lavoro che possono produrre proposte di legge
- non esistono ricercatori che sviluppano metodi di ricerca senza animali che possono danneggiare il commercio.

Un inferno ancora peggiore per gli animali e un paradiso di tranquillità e di risparmio per le multinazionali.

Per impedire questa tragedia, il centro I-CARE ha attivato progetti per diffondere metodi scientifici senza animali, nonché una moderna cultura antivivisezionista.

Il maggiore su! ccesso è stato ottenuto in India con la nascita all\`interno del governo indiano del Mahatma Gandhi Center for Alternatives to Use of Animals, in collaborazione con la Bharathidasan University, India, e la Doerenkamp-Zbinden Foundation, Svizzera.

Il Mahatma Gandhi infatti paragonava la vivisezione al più \"nero di tutti i neri crimine che l\`uomo compie contro Dio e la beltà del suo creato\".

Il Centro in India è stato e sarà un importante ponte verso altre simili realtà in costruzione in Giappone e Cina.

Singole sperimentazioni sono state bloccate anche in Corea, Taiwan e Filippine per quanto riguarda l\`Asia, e in Polonia, Ucraina ed Estonia per quanto riguarda l\`est Europa.

Un primo ringraziamento va all\`associazione svizzera Atra e che ha permesso il raggiungimento dei suddetti obiettivi.. Un secondo ringraziamento va all\`associazione italiana Leal che supporta il nostro ambizioso progetto Simulating Metabolism, per la sostituzione! di test su animali con simulazioni su computer.

Un terzo rin graziamento a tutti coloro che negli scorsi mesi di novembre e dicembre hanno passato intere giornate al freddo a organizzare tavoli per la raccolta fondi a favore di I-CARE, a coloro che hanno organizzato cene vegan, anche grazie al \"Vegan Italian Tour\", il cui ricavato è stato devoluto ad I-CARE, a chi ha distribuito il materiale, le informazioni, mostrato i video che svelano ciò che accade dietro le porte chiuse dei laboratori.

Con il ricavato dei tavoli e delle cene, che in totale è stato di circa 2700 euro, è stato possibile mantenere alcuni animali in fase di riabilitazione e organizzare un importante evento in collaborazione con la AMBO University: il 23 dicembre 2009 si è tenuto ad Addis Abeba, Etiopia, un seminario contro la vivisezione a cui hanno partecipato più di 100 docenti universitari del corno d\`Africa.

Per la prima volta il concetto dei metodi di ricerca e didattica senza uso di animali è stato diffuso anche in Africa contribuendo, anch! e qui, alla chiusura di esperimenti vivisettori.

Con cifre relativamente contenute possiamo fare molto per cambiare la realtà della vivisezione in Africa, Est Europa, Asia.

Chiediamo il sostegno di tutti, ogni donazione, anche piccola, servirà per permetterci di continuare a portare avanti questi progetti.

Grazie a tutti e BUON ANNO!

Lo staff di I-CARE





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl