Parma - Guerra a suon di denunce per il cagnolino Charly

Ma un bel giorno, in ottobre, la signora si reca n!

23/gen/2010 19.28.46 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Charly è il nome di un piccolo pincher che vive a Collecchio. Un cagnolino innocente e simpatico con la sua coda sempre pronta a scodinzolare e gli occhi grandi in cerca di affetto. Negli ultimi mesi è stato al centro di una vera e propria guerra con rapimenti rocamboleschi ed anche un periodo di affidamento al canile della Martinella.
La vicenda è avvenuta tra luglio e dicembre a Collecchio. E la guerra non è ancora conclusa, anche se il cane si trova al momento nelle mani di un ragazzo cinese che ne rivendica la proprietà.
Vediamo come si sono svolti i fatti. Il cane è di proprietà di un ragazzo cinese che vive nel capoluogo. Succede che il ragazzo non riesce più a tenerlo con sé perché nel frattempo il gatto che ha in casa litiga sempre con il cane. E allora dà il cane in affido ad una persona di sua fiducia, una signora di mezza età di Sala nota per essere amica degli animali e dei cani, in particolare.
Ma un bel giorno, in ottobre, la signora si reca n! ell’attività commerciale dove lavora il ragazzo cinese e qui accade l’imprevisto: il ragazzo rivuole indietro il cane, la signora non glielo vuole restituire, e allora il ragazzo strappa alla donna il cane e se lo riprende.
La signora sporge denuncia ai carabinieri di Collecchio, sostenendo che il cane le era stato regalato e quindi il ragazzo cinese glielo ha illegittimamente sottratto.
La dinamica si complica in seguito: un’amica della signora di Sala Baganza, una commerciante di Collecchio, un bel giorno vede Charly fuori dall’esercizio commerciale del cinese e cosa le viene in mente? Rapisce il cagnolino e lo riporta all’amica, nella convinzione che il piccolo quadrupede sia bistrattato e sottoposto ad angherie e vessazioni. Tutto questo senza che l’amica di Sala Baganza ne sappia niente.
Ma il ragazzo cinese non si arrende e, contattati alcuni testimoni, risale a chi ha rapito il cane e denuncia il «rapimento» ai carabinieri.
La donna viene identifi! cata e confessa. Ecco il primo colpo di scena: i carabinieri sequestra no Charly e lo portano al canile della Martinella dove rimane qualche giorno per poi tornare nelle mani del ragazzo orientale, su ordine della Procura.
Al momento sono aperti due procedimenti che coinvolgono l\`animale: il primo nasce dalla denuncia della signora di Sala Baganza nei confronti del cinese per il furto del cane e per maltrattamenti. Il secondo procedimento nasce invece dalla denuncia del cinese per furto contro la donna di Collecchio che poi lo ha consegnato all’amica di Sala Baganza. Gli sviluppi? Imprevedibili.

di Gian Carlo Zanacca





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl