Genova - spiagge libere per i cani, ma fino al 31 marzo

Basta corse illecite e blitz all\'alba di padroni in incognito a caccia d\'ossigeno: un\'ordinanza sindacale, unica nel Tigullio, consente ai fedelissimi dell\'uomo l\'accesso alla spiaggia libera di Lungomare Descalzo nel tratto compreso tra la concessione «Albergo Celeste» (esclusa) e l\'Ottagono; e in quel di Riva Trigoso, alla spiaggia di Via Brin tra l\'argine destro del Petronio e l\'area antistante il Cantierino (compresa).

23/gen/2010 19.33.56 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Cani in spiaggia a Sestri Levante dall\`1 novembre al 31 marzo e via libera da subito. Basta corse illecite e blitz all\`alba di padroni in incognito a caccia d\`ossigeno: un\`ordinanza sindacale, unica nel Tigullio, consente ai fedelissimi dell\`uomo l\`accesso alla spiaggia libera di Lungomare Descalzo nel tratto compreso tra la concessione «Albergo Celeste» (esclusa) e l\`Ottagono; e in quel di Riva Trigoso, alla spiaggia di Via Brin tra l\`argine destro del Petronio e l\`area antistante il Cantierino (compresa). Tutta colpa dell\`Associazione Fido Libero, che da qualche mese ha messo in pista cani e padroni, li ha fatti sfilare in corteo, ha bussato in Municipio e ha ragionato a lungo con il sindaco Andrea Lavarello formalizzando precise richieste di spazi. Ieri finalmente il placet con un «provvedimento centrato sulla responsabilità dei proprietari di cani - sottolinea Lavarello - perché questa sperimentazione vada a buon fine. E conto moltissimo sul passaparola. È nece! ssario lavorare bene per vincere i pregiudizi; proprio per questo rinnovo l\`invito a tenere un comportamento rispettoso dell\`ambiente e delle regole». Del tipo munirsi di sacchettino e conferire le deiezioni nei luoghi deputati. Quindi il gran bel risultato: ogni cane potrà scorrazzare senza guinzaglio e museruola, purché sempre sotto stretto controllo dell\`accompagnatore, responsabile del comportamento dell\`animale nei confronti dei soggetti presenti; l\`accesso resta comunque interdetto ad animali con sindrome aggressiva e le violazioni saranno punite con un\`ammenda da 100 a 1000 euro secondo il Codice della Navigazione, «per cui è previsto il penale». Benedizione che arriva dopo le modifiche di una serie di ordinanze che vietavano di condurre qualsiasi animale sulle spiagge pubbliche e private. Soddisfatto Vito D\`Onghia, presidente dell\`associazione: «È il risultato di un percorso fatto di dialogo e privo di attacchi politici. Il sindaco ha tenuto fede all\`impegn! o e adesso aspettiamo le aree verdi, magari dopo il 31 marzo». Ma Lava rello frena: «Uno spazio sarà riservato nel Parco della Lavagnina: gli incontri con i residenti hanno dato un\`ottima risposta; sull\`altra stiamo ragionando, non è escluso la creiamo appositamente e ne frattempo troveremo una soluzione tampone». Mentre arriva la conferma per una futura spiaggia destinata ad accogliere i cani in estate: «Nel piano di utilizzo delle spiagge che porteremo a breve in consiglio - dettaglia Lavarello - ribadiamo la volontà di una spiaggia libera attrezzata, operativa nel 2011, area Sant\`Anna, che possa ospitare animali». Tra i buoni propositi anche quello di D\`Onghia: «Non intendiamo fermarci alla richiesta di spazi, ma scolarizzare la questione, leggendola in chiave sociologica. Abbiamo contattato un veterinario comportamentista per incontrare i ragazzi a scuola perché è da qui che comincia la sensibilizzazione sul rapporto uomo animale e la convivenza civile».

di Maria Vittoria Cascino





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl