Comunicato AmiciCani - Traffico di cuccioli dellest. Lavvocato Gavazzi denuncia e diffida allacquisto

I cani oggetto di questo traffico sono cuccioli strappati alle madri nei primi giorni di vita, quando ancora non hanno sviluppato le difese immunitarie che consentono loro di sopravvivere; ancora piccolissimi sono costretti a fare viaggi in condizioni assolutamente non idonee per arrivare nelle mani di chi, ignaro, li ha comprati rispondendo ad un annuncio sul web o presso un negozio di animali poco serio.

12/feb/2010 11.45.00 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Un fenomeno purtroppo ormai tristemente noto agli operatori del settore, ma che deve diventarlo anche per la gente comune, è quello relativo al traffico di cani dall’est Europa.
Su internet si trovano moltissimi annunci dall’estero come dall’Italia, che offrono cuccioli di razza a prezzi notevolmente inferiori a quelli praticati da seri allevatori.
I cani oggetto di questo traffico sono cuccioli strappati alle madri nei primi giorni di vita, quando ancora non hanno sviluppato le difese immunitarie che consentono loro di sopravvivere; ancora piccolissimi sono costretti a fare viaggi in condizioni assolutamente non idonee per arrivare nelle mani di chi, ignaro, li ha comprati rispondendo ad un annuncio sul web o presso un negozio di animali poco serio.
Gli animali in questione dopo pochi giorni dall’arrivo a casa dei nuovi padroni iniziano a presentare gravi patologie come, tra le altre il cimurro, che spesso li conducono alla morte o a cure costose.

Evit! are questi imbrogli è semplice, basta rispettare alcune regole:
1) NON rispondere ad annunci via web anche se la cifra è allettante. Se non si hanno le possibilità per comprare un cucciolo di razza a prezzo pieno, nei canili troverete certamente ciò che fa per voi: cani di ogni taglia pronti a dare loro stessi a chi li ha salvati;
2) Qualora decideste di voler proprio un cane di razza e vi rivolgeste ad un rivenditore (negozio di animali) e non direttamente all’allevatore, specificare che non si vuole un cucciolo proveniente dall’Est e ritirare l’animale alla presenza di un vostro veterinario di fiducia che possa sincerarsi che il cane abbia i giorni minimi richiesti per poter essere portato via dalla madre;
3) Come avete il cane a casa, sottoponetelo ad una visita completa presso il vostro veterinario di fiducia;
Non abbiate timore, nei casi in cui incappaste in uno di questi imbrogli, a segnalare l’accaduto alle forze dell’ordine o direttamente alla mail m! altrattamenti@amicicani.com .

Si ricorda inoltre che sul sito www.amicicani.com l’avvocato Laura Gavazzi cura una sezione gratuita per consulenza legale a chiunque abbia bisogno di un ausilio in ambito animalistico.

IL GIRO D’AFFARI CHE SPECULA SULLA VITA DI QUESTI PICCOLI CANI E’ ENORME E COINVOLGE IL NORD COME IL SUD D’ITALIA, COSI’ COME IL NORD ED IL SUD EUROPA.
PERCHE’ SI POSSA FERMARE E’ NECESSARIA LA COLLABORAZIONE DI TUTTI
.

L’associazione AmiciCani denuncia e continuerà a denunciare alle forze dell’ordine chiunque venda cuccioli di razza via web o venda cuccioli di razza importati illegalmente dall’est Europa.

Ricordiamo che i canili sono pieni di cani cuccioli e non, anche di razza. Fermiamo i traffici di animali prendendo i cani gratuitamente dai canili italiani.





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl