Olbia - Mattea: lei partoriva... le hanno squartato la vulva: ascolta il suo lamento...

Olbia - Mattea: lei partoriva... le hanno squartato la vulva: ascolta il suo lamento... Immagini forti - Mi ritrovo qui a pensare, a riflettere che forse noi non riusciremo MAI a cambiare questa crudeltà umana che rasenta la follia.

21/feb/2010 19.39.26 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Immagini forti - Mi ritrovo qui a pensare, a riflettere che forse noi non riusciremo MAI a cambiare questa crudeltà umana che rasenta la follia.
Nella testa di noi uomini deve esistere un meccanismo adibito a cancellare dalla memoria, quasi a negarlo, i ricordi piu\` brutti, le immagini che se rimanessero vive ci porterebbero alla pura pazzia......
Ho ancora riflesso nella mia mente immagini che MAI riusciro\` a cancellare.
Quel corpicino straziato urla la sua sofferenza senza che nessuno intorno ascolti le sue richieste di aiuto. Nessuno sa dirci quanto tempo sia rimasta li agonizzante, poi una signora sente il suo lamento e da qui i soccorsi:
mi aiuti signora , mi hanno detto di rivolgermi a voi, la voce interrotta dai singhiozzi, nessuno l\`ha vista eppure era sul marciapiede , di fronte alla mia casa in un lago di sangue, con tre cuccioli poco distanti da lei ma uno ancora incastrato nella vulva e quest\`ultima tagliata, un qualcosa di impressionante . P! ortata in clinica ,viene immediatamente operata d\`urgenza. Sono le 18,30 . Alle 20,00, il veterinario , quando esce dalla sala operatoria le sue parole: in 22 anni di professione ne ho viste di oscenità ma un qualcosa di cosi\` agghiacciante MAI.
Strazia il cuore guardare questa creatura e pensare a tutte le sue sofferenze. Poco dopo l\` intervento le abbiamo dato i suoi cuccioli che ha accettato e le ha tutti lavati e coccolati. Quante mamme ho visto rifiutare i propri figli dopo la nascita perché il parto è stato doloroso..........lei li ha coccolati.
Ecco noi te la presentiamo, ti chiediamo con il cuore in mano di aiutarci , se vuoi aiutala a \" guarire dalle sue profonde ferite\".
Noi da soli non riusciremo a salvarli tutti, ti chiediamo almeno di ascoltare il \" suo flebile lamento\" Noi l\` abbiamo chiamata Vita come quella vita che stava per nascere.

LIDA OLBIA

lidaolbia@tiscali.it















Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl