Genova - Gli animalisti impediscono ladozione dei cani

È l'accusa che Alessio Piana, capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale, rivolge ai responsabili dell'Una, l'associazione «Uomo Natura Animali» che fa opera di volontariato nel nuovo canile di Monte Contessa a Sestri Ponente.

08/apr/2010 13.01.59 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Impediscono ai cani di essere adottati. E lo fanno in nome del rispetto degli animali. È l’accusa che Alessio Piana, capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale, rivolge ai responsabili dell’Una, l’associazione «Uomo Natura Animali» che fa opera di volontariato nel nuovo canile di Monte Contessa a Sestri Ponente. Gli animalisti cui è affidata la cura degli animali ospitati infatti vietano a chiunque abbia un porto d’armi per motivi di caccia di adottare un cane. «Interpretano in questo modo a dir poco singolare le regole sui requisiti di chi può ottenere un animale in adozione - attacca Piana in una mozione presentata al sindaco Marta Vincenzi -. Secondo loro chi ha una licenza di caccia è “portato e propenso a maltrattare gli animali”, quindi non merita di salvare un cane che avrebbe bisogno di affetto».
La posizione del consigliere leghista ricorda come i possessori di porto d’armi «possono vantare una fedina penale immacolata e conducono una vita rispettosa delle! regole per mantenere la licenza, ma soprattutto nutrono la passione per un’attività tradizionale propria della cultura rurale sancita da direttive europee e regolamentata da leggi nazionali e regionali». Accusare un cacciatore di maltrattare un animale, quando spesso proprio i cani sono i loro più fedeli e rispettati amici, non regge. E infatti Piana chiede a Marta Vincenzi di «intervenire prontamente per interrompere questo grave atteggiamento preconcetto, a vigilare più attentamente affinché episodi discriminanti non si ripetano più nei confronti di nessuna categoria di cittadini e se del caso di rivedere il protocollo d’intesa e l’affidamento della gestione del canile municipale all’associazione animalista Una». I cani aspettano una risposta positiva per avere una speranza in più di trovare una nuova casa.

< br>




Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl