Cuneo - Animali maltrattati in un casolare di Saluzzo

Una famiglia particolare dicono le Asl, con gravi problemi sociali, un problema già noto alla Procura dicono le forze di Polizia, i servizi sociali sono a conoscenza di tutto, però il dato concreto è che ad oggi ci sono più di 20 cani presenti di cui più di 10 detenuti in condizioni veramente estreme, oltre ad altri animali, senza considerare il grave inquinamento ambientale in atto.

22/apr/2010 12.28.56 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
In una splendida giornata di sole, Striscia la Notizia è nuovamente intervenuta con i volontari dell’Anpana, Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente di Cuneo, il caso in questione è noto alle Istituzioni locali, Comune, Procura, Asl, Servizi Sociali ecc, sono anni che a Saluzzo una famiglia vive in un cascinale dimenticato da Dio, con numerosi cani, capre, bovini, detenuti in condizioni di grave maltrattamento.

Una famiglia particolare dicono le Asl, con gravi problemi sociali, un problema già noto alla Procura dicono le forze di Polizia, i servizi sociali sono a conoscenza di tutto, però il dato concreto è che ad oggi ci sono più di 20 cani presenti di cui più di 10 detenuti in condizioni veramente estreme, oltre ad altri animali, senza considerare il grave inquinamento ambientale in atto.

Le capre sono rinchiuse in un’angusta scatola di legno, i bovini non hanno nulla da mangiare se non della frutta marcia, e qualche scarto di tanto in! tanto, alcuni cani sono rinchiusi in gabbie di ferro adatte ai conigli, molti cani sono legati a catena corta senza il ben che minimo riparo dal freddo e dal caldo, di fatto dice l’Anapa al nostro primo sopralluogo avvenuto circa un mese e mezzo fa, c’era la neve, e i cani erano tutti seduti sul ghiaccio, non avevano alcuna ciotola né per acqua né per cibo, alcuni sono così depressi che non hanno nemmeno più la forza di abbaiare. Girando per la proprietà abbiamo riscontrato alcune carcasse di cane, e alla domanda ma quelle ossa? Ci è stato risposto non sono cani, sono bestie dei boschi……

A quali strani animali si riferissero non lo sappiamo, ma di certo quelli erano cani morti e mangiati vivi dagli altri, le condizioni ambientali non sono da trascurare, veicoli abbandonati di ogni sorta, macchine, cingolati, ruspe, trattori, bidoni di ferro, vetro eternit, plastica, elettrodomestici, insomma una vera e propria discarica a cielo aperto, e lungo tutto il bosco lì v! icino ci sono abbandonati centinai di chili di immondizia di ogni tipo , e questa è la situazione che da anni si presenta in questa stupenda località, che presenta questa cascina rimasta per modalità di vita al medioevo.
Altro grosso problema sono i cani liberi, che affamati si aggirano in branco lungo tutta la zona, assediando le case limitrofe, e i visitatori del vicino Santuario di San Leone, o dei due agriturismi, che lamentano spesso l’aggressione di questi cani ai loro clienti, insomma un vero problema vedersi circondati da una decina di cani che abbaiano e che tentano di mordere il malcapitato passante.
In attesa delle Istituzioni che possano intervenire in modo definitivo atto a risolvere questo ennesimo maltrattamento di animali, Striscia la Notizia si è impegnata a tornare con l’ Anpana in un sopralluogo tra un mese, per verificare se le cose sono effettivamente cambiate.

Il Comandante Provinciale delle Guardie Ecozoofile dell’Anpana Rossano Maria, dice: “Il fenomeno del maltrattamento verso gli animali non si plac! a, negli ultimi 10 mesi, abbiamo sequestrato 42 bovini, 3 cavalli, 3 cani, e grazie a Striscia la Notizia abbiamo salvato circa 300 bovini a rischio di vita, tutti segnalati in modo encomiabile dai cittadini, che sono sempre più sensibili a questi eventi delittuosi”.

Per segnalazioni e informazioni Guardie Ecozoofile Anpana telefono 3292242615, e-mail cuneo@anpana.piemonte.it, www.anpana.piemonte.it















Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl