Palermo - Menefreghismo totale per una cagnolina in stato di agonia e abbandono

alcuno si è mai chiesto se valeva la pena di provarci e se lui voleva vivere ancora... Noi però non ce la siamo sentita di vederlo soffrire ancora, di vederlo ansimare e di pensare a cosa stesse passando, non ce la siamo sentita di pensarlo spegnersi tra mille sofferenze, dietro a qualche altro giorno di agonia, non ce la siamo sentita di vedergli cadere la pelle dagli occhi, non ce la siamo sentita di vederlo arrancare, di sentirlo guaire e di vedere ferite nascere sulle sue zampine ormai inesistenti... Due sedativi, e poi ti abbiamo accompagnato sul ponte piccolino... ora non devi più soffrire, ora non sei solo e abbiamo cercato di darti la dignità che meritavi fin dal primo giorno di vita.

14/mag/2010 18.23.14 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
TUTTO PARTE DA QUESTA MAIL (data 12/05/2010)
Gentilissimi,
in via Cannolicchio a Monreale, si trova in stato di abbandono in strada pubblica un piccolo yorkshire già avanzato in età, in stato cachettico, cieco e attaccato da rogna e forse anche Leismania. L\`animale non si muove e non reagisce e sta continuamente immobile. Respira e sembra avere il ventre gonfio.
Vederlo in quello stato è pietoso, probabilmente l\`ultimo gesto d\`amore sarebbe dargli una fine dignitosa ed evitargli ulteriori sofferenze in quanto dubito che in quello stato possa riprendersi.

Vi prego di contattarmi per cercare di far qualcosa.

Grazie e resto in attesa.

____________________________________________________________________________


Per fortuna questo ragazzo ha deciso di avvisare qualcuno della presenza di quel piccolo indifeso, per fortuna qualcuno ha pensato a lui, anche per un attimo...
Ci mettiamo in macchina stasera stessa, non appe! na leggiamo la mail decidiamo di andare a cercarlo.
Passo a prendere Dani e proseguiamo per Monreale, cercando di individuare la strada a primo colpo...
Arriviamo in zona e chiamiamo il ragazzo della segnalazione, Giuseppe, che subito ci viene incontro con la sua ragazza (due persone graziosissime).
Andiamo dove prima con Dani eravamo passate già, ma non avevamo visto altro che uno scatolo vuoto e un piattino con acqua vicino...
Giuseppe si ferma e, al buio, ci fa segno con la mano...non capiamo cosa indichi dalla macchina, guardiamo per terra ma non vediamo nulla...
\"Dani, è quella cosina là accanto al palo\"... rimaniamo in silenzio un attimo, allibite, incredule... Eravamo passate da là ma non l\`avevamo notato, sembrava spazzatura, non si vedeva... non era nello scatolo ma di lato, in strada accanto ad un palo della luce, raggomitolato con gli occhi spalancati (certo non poteva chiuderli...)

La scena è devastante, era tutto solo là, al buio! , indifeso, con l\`umidità di Monreale...
Giuseppe prova a prender lo ma il piccolo morde, cerca di difendersi, alla fine riesce a metterlo nello scatolo e lo carichiamo in macchina...
Fa un cattivo odore che fa pensare solo a cose brutte, malattie brutte che non lasciano scampo...
Arriviamo in clinica (ore 22.30 circa), il veterinario è da subito molto chiaro circa le prospettive del piccolo... scopriamo che non è neanche vecchio, ma che non ha scampo, che ha un cumulo di cose addosso e che è tutto un dolore, si lamenta appena lo si tocca, la pelle degli occhi staccata, cieco, il pelo gli si stacca via, pieno di piaghe, si ferisce appena si tocca, le unghie attorcigliate, la febbre altissima, tutto macchiato, coda arrotolata, croste ovunque...
Il piccolo soffre, chissà da quanto soffre davanti alla gente che si è solo occupata di portare acqua e cibo pulendosi la coscienza, chissà se qualche settimana fa era salvabile, chissà se è stato in casa di qualche bastardo che ha pensato di abbandonarlo perchè malato...
Chissà se qu! alcuno si è mai chiesto se valeva la pena di provarci e se lui voleva vivere ancora...
Noi però non ce la siamo sentita di vederlo soffrire ancora, di vederlo ansimare e di pensare a cosa stesse passando, non ce la siamo sentita di pensarlo spegnersi tra mille sofferenze, dietro a qualche altro giorno di agonia, non ce la siamo sentita di vedergli cadere la pelle dagli occhi, non ce la siamo sentita di vederlo arrancare, di sentirlo guaire e di vedere
ferite nascere sulle sue zampine ormai inesistenti...

Due sedativi, e poi ti abbiamo accompagnato sul ponte piccolino... ora non devi più soffrire, ora non sei solo e abbiamo cercato di darti la dignità che meritavi fin dal primo giorno di vita. Nessuno ti ha chiesto cosa volessi fare della tua vita, non ti hanno dato possibilità di curarti, non ti hanno accolto, ma ti hanno scacciato. Non eri solo oggi, non lo sarai più.

Scusaci ancora, era tardi come spesso ci accade, ma eravamo con te...

I! ragazzi che sono venuti con noi sono stati splendidi, ti hanno aiutat o, lei ti ha accarezzato, ti abbiamo coperto con un maglioncino ed ora riposerai nel loro giardino...
Non ce la siamo sentita di lasciarti in un cassonetto, la ragazza ha voluto portarti con se a casa...

GRAZIE...
Sei stato con noi, qualcuno ti ha visto e ti ha concesso il riposo, magari avresti voluto chiudere gli occhi...
Ciao piccolo tesoro...

Veronica, Daniela, Giuseppe, Ivana


DENUNCIAMO TUTTO, BASTA!!! CIVILIZZATEVI











Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl