COMUNICATO STAMPA LIDA/WWF

06/ott/2010 16.08.49 Ufficio Stampa L.I.D.A. Sicilia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

 

Comunicato Stampa LIDA e WWF:

 

 

 

CALTANISSETTA, GUARDIE ZOOFILE LIDA E WWF DENUNCIANO DUE PERSONE PER MALTRATTAMENTO ED UCCISIONE DI ANIMALI: SEQUESTRATO UN CAGNOLINO ED UNA CATENA SPORCA DI SANGUE

 

Indagini avviate dalle Guardie Giurate dei Nuclei di Vigilanza zoofila ed ambientale di LIDA e WWF; denunciati a piede libero un uomo di Caltanissetta ed un altro di San Cataldo. La Procura di Caltanissetta apre due fascicoli per i reati di maltrattamento ed uccisione di animali.

 

 

Due importanti operazioni delle Guardie eco-zoofile di LIDA (Lega Italiana per i Diritti dell’Animale) e WWF (Fondo mondiale per la Natura) si sono svolte nel Nisseno negli ultimi giorni, che hanno permesso di salvare un cane di piccola taglia - detenuto in condizioni incompatibili ed in stato di grave incuria - e di accertare l’uccisione di un altro cane, probabilmente a colpi di spranga. In entrambi i casi le indagini sono state portate a termine dalle Guardie Giurate dei Nuclei di Vigilanza zoofila ed ambientale delle Associazioni LIDA e WWF di Caltanissetta e sono iniziate grazie alle segnalazioni di alcuni cittadini sensibili.

 

A Caltanissetta, un uomo è stato denunciato a piede libero per i reati di cui agli articoli 727 (detenzione di animali in condizioni incompatibili ed abbandono) e 544ter (maltrattamento) del codice penale: l’accusa è scaturita dalle indagini e dalle ispezioni delle Guardie zoofile che hanno accertato la detenzione di un cagnolino in un balcone di un appartamento ormai non più abitato, privo di acqua e cibo ed abbandonato a se stesso tra feci ed urine.

 

A San Cataldo, invece, l’attività investigativa degli agenti di LIDA e WWF ha permesso di accertare che un pensionato ha ucciso il proprio cane, detenuto a catena nel cortile, probabilmente a colpi di spranga. L’uomo si è giustificato dichiarando che l’animale era improvvisamente divenuto aggressivo e che l’uccisione sarebbe avvenuta per legittima difesa. Le guardie hanno sequestrato la catena del guinzaglio del cane, sporca di sangue, ed hanno deferito il soggetto all’Autorità Giudiziaria, che ha già aperto un fascicolo per accertare l’eventuale responsabilità penale per il reato di c.d. “animalicidio” ai sensi dell’art. 544bis del codice penale.

 

Le Associazioni L.I.D.A. e WWF di Caltanissetta - riconosciute dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare come enti di protezione ambientale a carattere nazionale - hanno già da tempo costituito propri nuclei di guardie particolari giurate (ai sensi del Testo Unico di Pubblica Sicurezza) addette alla vigilanza zoofile e di tutela ambientale. A tali Guardie Eco-zoofile è attribuito il compito di informazione, vigilanza e intervento per la tutela degli animali e dell'ambiente. Le Guardie Particolari Giurate volontarie della L.I.D.A. e del WWF rivestono la qualifica di Pubblici Ufficiali, Agenti di Polizia Amministrativa e, nei casi previsti, di Agenti di Polizia Giudiziaria.

Per segnalare un reato contro gli animali o l’ambiente è possibile contattare il servizio di vigilanza eco-zoofila di LIDA e WWF lasciando un messaggio in segreteria al 334/2332583, chiamando i numeri 339/7181385-349/5750285 oppure scrivendo all’indirizzo e-mail lidacaltanissetta@fastwebnet.it guardieambientali@sociwwf.it          

 

 

 

09.06.2010

Informazioni: LIDA  3342332583 - WWF 3495750285

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl