CHILIAMACISEGUA ADERISCE AL DIGIUNO STAFFETTA

16/giu/2010 14.54.57 Chiliamacisegua Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

CHILIAMACISEGUA ADERISCE AL DIGIUNO STAFFETTA
 

I cani mangiano con 1 euro e sessanta al giorno?

Si, certo e ingrassano pure!

Bene, anzi male!  Allora per avere lo stesso aspetto pasciuto degli animali tanto curati, amati, tutelati  e deportati della Basilicata, la presidente di Chiliamacisegua, Corinna Andreatta, digiuna.

Tanto, per la stessa cifra mangerebbe briciole d’aria, inzuppate nell’acqua.

Aderisce  perciò al Digiuno Staffetta intrapreso dalla presidente dell’ Enpa, Carla Rocchi.

E voi, cosa aspettate a schiaffeggiare la Basilicata e i suoi ottusi governatucoli da un euro e sessanta centesimi di civiltà?

Chiliamacisegua

www.chiliamacisegua.org

 

http://www.enpa.it/it/

CANI DELLA BASILICATA. PRIME ADESIONI AL DIGIUNO-STAFFETTA INIZIATO DAL PRESIDENTE ROCCHI 

Arrivano numerosissime le adesioni del mondo animalista e ambientalista, e della società civile al digiuno a staffetta iniziato dal presidente nazionale dell’Enpa, Carla Rocchi, per bloccare il trasferimenti in Calabria dei 400 cani di Potenza. A poche ore dall’apertura della casella mail canibasilicata@enpa.org,

sono già numerosissime e in continua crescita le manifestazioni di solidarietà e affiancamento al digiuno del presidente dell’Enpa, segnalazioni inoltrate anche tramite le pagine Facebook della Protezione Animali.

Particolare significato assumono l’adesione e il sostegno di importanti associazioni animaliste e non, quali “Chiliamacisegua”, “Gaia Animali Ambiente”, “Save the Dogs”, “Donneinrete”, “Npsitalia”, parimenti preoccupate per la sorte dei 400 cani.

Per aderire all’iniziativa e partecipare al digiuno è sufficiente comunicare la propria adesione personale all’indirizzo di posta elettronica canibasilicata@enpa.org,

 indicando nome, cognome, città e precisando i giorni di digiuno.

 Nella mail, inoltre, è possibile specificare se si desidera rendere pubblica sul sito web e sul gruppo Facebook di Enpa la propria partecipazione al digiuno.

(16 giugno)

 

I FATTI QUI

http://www.chiliamacisegua.org/2010/06/14/animali-l’enpa-“sciopero-della-fame-contro-la-deportazione-dei-400-cani-di-potenza”/

ANIMALI. L’ENPA: “SCIOPERO DELLA FAME CONTRO LA DEPORTAZIONE DEI 400 CANI DI POTENZA”

 

http://www.chiliamacisegua.org/2010/05/12/7016/
Basilicata: Per 420 cani solo 1euro per andare a morire

 

http://www.chiliamacisegua.org/2010/05/12/7016/

Solo 1euro per andare a morire

“La ditta ha vinto la gara d’appalto con tariffe bassissime, le bestie rischiano maltrattamenti”

ROMA - Deportati, affamati, usati per le lotte, per fare carne, semplicemente abbattuti. Cani da rendita, animali da macello. Potrebbe essere questo il destino di 420 randagi ospitati da circa dieci anni in due strutture della Basilicata e venduti per poco più di un euro ciascuno alla Calabria: nel giugno scorso Antonio Imperatrice, presidente della comunità montana Alto Agri di Potenza, ha deciso di offrirli per conto di 11 comuni al miglior acquirente. La gara è stata vinta da un mega canile a Cassano allo Ionio (Cosenza), che ha promesso di mantenere gli animali per 1 euro e sessanta centesimi l’uno al giorno.

Continua……..

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl