Comunicato Fondazione Prelz onlus - Rifugio degli orrori a Campagnano di Roma

La situazione era ben nota a tutti gia' 7 anni fa' quando la Fondazione Prelz aveva accolto 50 cani provenienti dallo stesso posto che stavano annegando durante un alluvione.

30/giu/2010 13.54.23 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
ATTENZIONE: IMMAGINI FORTI!
Venerdì 25 giugno alle 19:00 ci e’ stata segnalata una situazione insostenibile nella Valle di Baccano a Campagnano dove, in completo stato di abbandono, venivano detenuti una quarantina di cani ed una ventina di gatti .

La situazione si e’ rivelata subito anche peggiore del previsto: in una specie di “discarica-baraccopoli”, dentro a minuscoli recinti di fortuna senza ripari e con uno strato di feci di 30 cm , i cani, alcuni malati e scheletrici, erano senz’acqua e cibo da giorni.

Molto peggio e’ stata, all’indomani, la scoperta di una decina di gatti, tenuti al buio e lasciati morire chiusi nelle gabbiette in mezzo ai loro escrementi.

Immediatamente abbiamo richiesto la presenza dei carabinieri , della polizia municipale e della asl veterinaria per le constatazioni del caso.

I cani malati sono stati trasferiti nel canile sanitario della Fondazione Prelz mentre i gatti sono stati accolti dall’associazione A! .S.T.A. che, coi suoi volontari, ha partecipato attivamente al loro recupero.

Sono stati allertati anche i media che hanno mandato in onda servizi documentando lo stato delle cose.

Circa 2 mesi fa’, il proprietario di questo rifugio degli “orrori” aveva chiesto il nostro intervento per una ventina di cani che abbiamo accolto, curato e sterilizzato, rifiutando pero’ qualsiasi ulteriore aiuto da parte nostra.

La situazione era ben nota a tutti gia’ 7 anni fa’ quando la Fondazione Prelz aveva accolto 50 cani provenienti dallo stesso posto che stavano annegando durante un alluvione. In quell’occasione morirono affogati una quindicina di gatti chiusi nei trasportini.

I gatti restanti furono messi in salvo dai volontari dell’associazione A.S.T.A.

Ad oggi sono stati messi in salvo numerosi gatti e 32 cani, mancano alcuni animali che non siamo ancora riusciti a catturare ma che stiamo sfamando sul posto da venerdi’ scorso.

E’! stata presentata denuncia alla Procura della Repubblica e siamo in at tesa di conoscere le decisioni del giudice sulla sorte di questi poveri animali.

Tutto cio’ e’ stato possibile grazie al prezioso aiuto di tutti i volontari ed associazioni che hanno partecipato al recupero:

1) WILLIAM E SUSANNA (ASSOCIAZIONE “ A.S.T.A.” ONLUS-ROMA)

2) JOSEPHINE (ASSOCIAZIONE “R.A.N.” ONLUS-ROMA )

3) STEFANO (VOLONTARIO)

4) ANNASTELLA (ASSOCIAZIONE “L’ISOLACHENONC’E” ONLUS)

5) MANUELA (VOLONTARIA)



Fondazione Prelz onlus
fondazioneprelzonlus@tiscali.it















Altre notizie sul sito http://www.amicicani.co m
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl