Animal Liberation Front - Storia e video di un primato sottoposto a test scientifici

10/set/2010 11.10.40 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
\"Mi avevano cucito gli occhi; poi mi avrebbero torturato fino allo sfinimento, mantenendomi vivo con farmaci e droghe per studiare gli effetti del dolore e della cecità; poi, mi avrebbero ucciso dicendo che lo facevano in nome della scienza, del progresso, del bene per l\`umanità. Invece, è arrivato questo criminale col passamontagna, ha scassato tutto, mi ha liberato, e curato con amore...lo stesso che puoi vedere se guardi nei suoi occhi socchiusi...lo stesso che puoi vedere nei miei occhi di scimmia ottusa.\"


La conoscete la storia della scimmia Britches?
1985. California. Università di Riverside.
Gli \"sperimentatori\", nell\`ambito di uno pseudo-esperimento sulla cecità condotto a porte chiuse, utilizzano, tra le tante cavie, un cucciolo di macaco.
Strappato alla madre e posto in completo isolamento,al cucciolo sono state cucite le palpebre, con un materiale di sutura talmente spesso da esser causa di diverse infezioni. Gli è stata preclusa la! possibilità di vedere, sin da quando è venuto al mondo. Gli è stato applicato un congegno meccanico al cranio, che emette un suono stridente ad intervalli regolari: suono che, ben presto, ha finito col causare nevrosi e crisi d\`isteria all\`animale. Le bende che reggono il congegno sono sporche e logore, e dietro alla testa della scimmietta si stanno formando una serie di piaghe.
E\` in quedte condizioni da mesi.... Mostra tutto
Il macaco è rinchiuso in una gabbia spoglia. Una volta concluso l\`esperimento, finirà come le altre cavie. Ucciso.

Nell\`aprile del 1985, alcuni militanti dell\` Animal Liberation Front, fanno irruzione nel laboratorio.
Liberano diversi animali, e decidono di portare via da quell\`incubo anche il cucciolo di scimmia, cui daranno il nome di \"Britches\".

Qui di seguito, potete visualizzare il video della liberazione: http://www.youtube.com/watch?v=DeMOfL_ExRM
E\` molto toccante, oltre che ben esplicativo riguardo ! le barbarie poste in essere nei confronti della povera scimmia e degli altri animali presenti nel laboratorio: merita di essere guardato.

Dopo la liberazione, la situazione che i militanti dell\` ALF si trovano a dover fronteggiare, è drammatica.
Britches presenta una seria forma di nevrosi: ha spasmi muscolari che le attraversano tutto il corpo, compie continui gesti frenetici e grida in continuazione.
La sutura agli occhi viene rimossa da un veterinario, e la scimmia può finalmente vedere il mondo per la prima volta.
I militanti che l\`hanno liberata, la seguono giorno dopo giorno, 24 ore su 24.
Piano piano, i comportamenti nevrotici diminuiscono, e Britches inizia a comportarsi come un cucciolo di primate \"normale\".

Una volta recuperata, la scimmia viene introdotta in natura, presso una riserva, dove può finalmente beneficiare delle cure e degli affetti di una \"madre adottiva\", e rapportarsi con i suoi simili.
L\`incubo dei laboratori sembra ormai essere lontano.
Almeno per lei.
Lo stesso no! n si può dire di tutti quegli animali che continuano ad esser vittime di queste barbarie.
perfino le associazioni di non vedenti si sono dissociate dall\`esperimento, sia per la brutalità con cui è stato condotto, sia perchè assolutamente inutile (oltre che intrapreso coi soldi dei contribuenti).







Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl