Aragona - Tutto limpegno per un canile

19/ott/2010 18.32.03 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Alfonso Tedesco ha ereditato nel 2007, all’atto della sua elezione a sindaco di Aragona, una pesante problematica, ossia, l’inferno dimenticato di contrada Tuberio.

Un centinaio di animali in pessime condizioni igienico-sanitarie e in spazi non idonei. Bestiole denutrite, sporche, alcune ammalate e, spesso imprigionate in spazi proprio angusti. Le responsabilità di una simile situazione non sono certo dell’Amministrazione attuale. Il randagismo è un problema vecchio.

Nel novembre del 2008, la II sezione penale del Tribunale di Agrigento, dopo aver iscritto nel registro degli indagati per maltrattamento il privato che gestiva il canile in contrada Tuberio, affidava la custodia dei cani posti sotto sequestro al Comune.

Di fatto “proprietario” dei cani diviene il sindaco Alfonso Tedesco, il quale dice di conoscere quella realtà essendosi recato di persona.

“Quello che voglio evidenziare - dice Tedesco - e l’approccio propositivo al problema c! he ha avuto la mia amministrazione per affrontarlo nel breve-medio termine. Avevamo coinvolto in prima istanza sia l’assessorato regionale competente che il Ministero della Salute senza ricevere, però, la benché minima risposta”.

Il 14 settembre 2010, tutte le parti a vario titolo interessate, tra cui anche i rappresentanti dell’assessorato regionale e del Ministero, si sono riunite in un proficuo incontro tenutosi nel Municipio di Aragona pervenendo a decisioni utili per la soluzione definitiva del problema in tempi ragionevoli.

Il sindaco tiene ad evidenziare l’impegno nella concertazione con altri Comuni per la realizzazione di un canile intercomunale. “Dal novembre 2008 ad oggi la situazione nella struttura di contrada Tuberio è parecchio migliorata - sottolinea Alfonso Tedesco - grazie anche all’aiuto offerto dai volontari della LIDA, fermo restando che siamo sempre di fronte a una situazione di precarietà”.

Il sindaco rigetta le accuse di no! n aver fornito per due anni farmaci per i cani affetti da zoonosi e qu indi bisognosi di cure. Alfonso Tedesco respinge anche le accuse rivolte alla sua Amministrazione sulla mancata fornitura del cibo per i cani di contrada Tuberio. “Non è assolutamente vero - dichiara il primo cittadino di Aragona - e nei prossimi giorni mi impegno a fornirvi sia la relativa determina sindacale che l’elenco dei farmaci acquistati in questi ultimi due anni”.

Qualora non si riuscisse ad ottemperare alle ordinanze del Tribunale, per carenza di fondi, non teme il commissariamento del Comune o qualche denuncia visto che i cani stanno nello stesso luogo dove chi li deteneva è stata iscritta nel registro degli indagati per maltrattamento?

“Noi non abbiamo dato esecuzione all’ordinanza del tribunale perché il giudice ci ha dato tempo sino al 26 novembre per la realizzazione della struttura temporanea che sorgerà in zona Muxarello. Il passo immediatamente successivo sarà la realizzazione, nel giro di un anno, di un canile intercomunale di concerto co! n i Comuni di Agrigento e Favara”.

Una cosa appare certa e il sindaco c’è lo conferma, le casse comunali non consentono di risolvere da soli questo problema che il Comune ha ereditato dal passato.

di Domenico Vecchio





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl